Simulazioni Casi FB C066-070 – Test Ammissione

Simulazione

Cliccando in alto a destra sul pulsante "+" e' possibile "Consegnare", "Salvare e Interrompere", "Salvare e Continuare" il compito.

1 di 5 Domande

La terapia iniziale dell'infarto del miocardio prevede:

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo














La risposta corretta è la B.
Lo scopo d​​​​​el trattamento iniziale dell’infarto del miocardio è ridurre la richiesta miocardica di ossigeno (mediante la riduzione della F.C., della contrattilità e della pressione arteriosa) e aumentare l’apporto di ossigeno, inducendo vasodilatazione coronarica. La terapia iniziale prevede morfina, aspirina, nitroglicerina, ossigeno.
Rif. 1219dbEtx5ld1

2 di 5 Domande

Siete di guardia in un piccolo presidio ospedaliero, dal Pronto Soccorso l’OSS vi porta questo tracciato, appartenente ad un paziente trentenne in affanno. Quali considerazioni si possono fare?

product image

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo














La risposta esatta è D.
Il paziente, in base ai reperti clinico anamnestici e all’elettrocardiogramma, presenta un errato posizionamento degli elettrodi, in particolare un’inversione degli elettrodi superiori, in quanto vi è una forte positivitĂ  a dx (AVR) ed una negativitĂ  delle sinistre (I e AVL) in opposizione ad una normale progressione della R nelle precordiali (in forte opposizione con la condizione nelle periferiche). Infatti, il referto mostra: “Ritmo non definibile a FC 75 bpm. Normale conduzione AV. Deviazione assiale dx estrema nelle periferiche.  Anomalie aspecifiche del recupero.”
Rif. CasiCliniciCommentati2610

3 di 5 Domande

Scenario ECGM3. Giunge presso l’ambulatorio del Dott. Rossi il Sig. Bianchi riportando in anamnesi cardiopatia ipertensiva e fibrillazione atriale permanente. Domanda 4: Quale esame dovrebbe eseguire il paziente per valutare la conduzione AV e IV?

product image

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo














La risposta corretta è la C.
Per valutare la conduzione AV e IV il paziente dovrebbe effettuare uno studio elettrofisiologico, che permette di valutare la conduzione AV e IV a frequenze cardiache diverse. Qualora la conduzione HV (dall’His ai ventricoli) fosse > 70 msec, sarebbe opportuno l’impianto di un PMK.
Rif. CasiCliniciCommentati2611

4 di 5 Domande

L’indicazione chirurgica ad una trombo-endoarteriectomia carotidea viene posta quando una placca aterosclerotica:

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo














La risposta corretta è la A.
Secondo le attuali raccomandazioni ISO-SPREAD, la trombo-endo-arteriectomia carotidea è raccomandata principalmente:
1) in caso di stenosi sintomatica uguale o maggiore del 70% (equivalente a metodo NASCET), se il rischio di morte perioperatorio fino a 1 mese dall’intervento e ogni tipo di ictus è inferiore a 6%;
2) in caso di stenosi sintomatica compresa fra il 50% ed il 69%, se il rischio di morte perioperatorio fino a 1 mese dall’intervento e ogni tipo di ictus è inferiore a 6%, e se il paziente presenta almeno una delle seguenti condizioni:
- ischemia recente (< 2 mesi dal sintomo);
- sintomo cerebrale e non oculare;
- placca ulcerata – vulnerabile;
- sesso maschile;
- assenza di diabete.
In caso di stenosi carotidea sintomatica con indicazione a endo-arteriectomia, il gruppo
ISO-SPREAD ritiene opportuno eseguire la procedura chirurgica entro la prima settimana dall’evento ischemico indice. Invece, tale intervento non è raccomandato nella stenosi sintomatica inferiore al 50% (equivalente a metodo NASCET), oppure in caso di occlusione cronica o di near occlusion della carotide interna.
Rif. l6m5sq4g

5 di 5 Domande

Quale tra le seguenti NON è in genere una complicanza dovuta alla dissezione aortica acuta?

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo














La risposta corretta è la D.
Lo pneumotorace non è solitamente una conseguenza della dissecazione aortica acuta, che consiste nel passaggio di sangue attraverso una soluzione di continuo dell'intima con la separazione dell'intima dalla media e la formazione di un falso lume. La dissezione può verificarsi in qualsiasi punto dell'aorta e può estendersi prossimalmente o distalmente nelle altre arterie. Nella maggior parte dei casi l’esordio è improvviso, con dolore toracico intenso e trafittivo a carattere migrante; rispetto al dolore infartuale è associato raramente a nausea e vomito, mentre più spesso si associa a sincope e vertigini (risposta C errata). Le ulteriori manifestazioni cliniche sono riconducibili all’insufficienza valvolare aortica acuta massiva, alla sua rottura, alla sua ostruzione e/o a quella dei suoi rami: infatti, può determinare ischemia degli arti, stroke transitorio, ischemia intestinale, oligoanuria, emotorace, paraplegia (risposte A, B ed E errate).



Rif. uld5lut2

Consegna il Compito!

Consegna il compito!


Tempo Rimasto 5 minuti!

Dottore, non aggiorni questa pagina prima del completamento della correzione.
Clicchi su "Consegna il Compito" per ottenere la correzione del compito.

consegna il compito