Sign up with Email

Already have an account? Login


1 di 41 
" Accurata stadiazione clinico-radiologica importante a scopo terapeutico e prognostico in: "

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) mieloma multiplo

B) LMA

C) Malattia di Hodgkin

D) Linfoma non Hodgkin

E) Leucemia a cellule capellute

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la ' Malattia di Hodgkin '.

2 di 41 
" In quale malattia si ha piu' cospicua Splenomegalia? "

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) tiroidite di Hashimoto

B) leucemia mieloide cronica

C) anemia sideropenica

D) M. di Hodgkin

E) leucemia mieloide acuta

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la ' leucemia mieloide cronica '.

3 di 41 
"PRURITO GENERALIZZATO SENZA MANIFESTAZIONI DI DERMOPATIA IN ATTO SI OSSERVA CON NOTEVOLE FREQUENZA IN UNA DI QUESTE CONDIZIONI: "

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) ulcera gastro-duodenale

B) linfoma di Hodgkin 

C) epatite anitterica

D) pertosse

E) iperparatiroidismo

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la 'linfoma di Hodgkin '.

4 di 41 
"IL CAMPO A MANTELLINA IN QUALE NEOPLASIA E' PIU' FREQUENTEMENTE UTILIZZATO: "

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) LINFOMA DI HODGKIN 

B) MAMMELLA

C) VESCICA

D) POLMONE

E) PROSTATA

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la 'LINFOMA DI HODGKIN '.

5 di 41 
"QUALE DEI SEGUENTI TUMORI DEL SNC E' PIU' FREQUENTE NEGLI ADULTI? "

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) LINFOMA

B) ASTROCITOMA ANAPLASTICO

C) NEUROBLASTOMA

D) MEDULLOBLASTOMA

E) RETINOBLASTOMA

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la 'ASTROCITOMA ANAPLASTICO'.

6 di 41 
"QUALI DELLE SEGUENTI AFFEZIONI DI TIPO NEOPLASTICO IN STADIO NON AVANZATO E' RITENUTA ODIERNAMENTE CURABILE CON RADIOTERAPIA ESCLUSIVA:"

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) IL MIELOMA DIFFUSO

B) IL MELANOMA

C) IL MORBO DI HODGKIN

D) LA LEUCEMIA LINFATICA ACUTA

E) L'OSTEOSARCOMA

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta è la C.
    Il linfoma di Hodgkin è un forma neoplastica maligna caratterizzata da una proliferazione tumorale a partenza, in oltre il 98% dei casi, dai linfociti B. L’aspetto distintivo del Linfoma di Hodgkin è che le cellule neoplastiche costituiscono circa l’1% della lesione mentre il restante tessuto patologico è composto da una componente cellulare di tipo reattivo. La cellula neoplastica caratteristica del linfoma NH è la cellula di Reed-Sternberg, una cellula di grandi dimensioni, con citoplasma abbondante e multipli nuclei con nucleolo o nucleoli predominanti “ad occhio di civetta”, circondata da una importante componente reattiva ed infiammatoria. La presentazione clinica di questa patologia avviene generalmente in due modi: con la comparsa di sintomi sistemici come febbricola persistente, sudorazione prevalentemente notturna e perdita di peso, oppure con la comparsa di tumefazioni linfonodali superficiali (i linfonodi si presentano lignei e non dolenti). I linfonodi laterocervicali sono coinvolti nel 60-80% dei casi, seguono i linfonodi ascellari nel 6-20% dei casi e quelli inguinali nel 6-12%. Una stadiazione accurata è estremamante importante in questa patologia poiché la strategia terapeutica e la prognosi variano sensibilmente a seconda dello stadio clinico. Attualmente la classificazione di riferimento è quella di Ann Arbour. Generalmente l’approccio è multidisciplinare ma quando la localizzazione è limitata ad una o due linfonodi, ubicati dallo stesso lato del diaframma, la radioterapia rappresenta il trattamento di scelta, senza dover essere associato necessariamente alla chemioterapia. IL linfoma di Hodgkin è infatti tra le neoplasie maggiormente sensibili alle radiazioni ionizzanti.
    Le risposte A, B, D ed E non sono corrette.
    Fra le neoplasie citate, l’unica che negli stadi iniziali contempla il solo trattamento radioterapico è il linfoma di Hodgkin.

7 di 41 
"SULLA BASE DELLA CLASSIFICAZIONE REAL IL PIU COMUNE SOTTOTIPO E' RISULTATO ESSERE: "

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) I LINFOMI DELLA ZONA MARGINALE

B) I LINFOMI DI BURKITT

C)  I LINFOMI DIFFUSI A GRANDI CELLULE B

D) I LINFOMI MANTELLARI

E) NESSUNA RISPOSTA CORRETTA

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la ' I LINFOMI DIFFUSI A GRANDI CELLULE B'.

8 di 41 
" Prurito generalizzato senza manifestazioni di dermopatia in atto si osserva con notevole frequenza in una di queste condizioni: "

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) epatite anitterica

B) pertosse

C) linfoma di Hodgkin

D) iperparatiroidismo

E) ulcera gastro-duodenale

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la ' linfoma di Hodgkin '.

9 di 41 
"I linfomi non-Hodgkin a cellule B sono una possibile complicanza della sindrome di Sjogren: "

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) solo nel sesso femminile

B) falso

C) vero

D) solo nei pazienti senza impegno delle ghiandole salivari

E) solo in soggetti gia' trattati con steroidi

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la ' vero '.

10 di 41 
"Nella valutazione dello stadio del linfoma di Hodgkin quale delle seguenti indagini considerereste come secondaria?"

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) rx torace

B) TAC

C) esame obiettivo

D) scintigrafia ossea

E) biopsia ossea

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la 'scintigrafia ossea'.

11 di 41 
"I sintomi che definiscono una stadiazione B nel linfoma di Hodgkin sono: "

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) prutito, astenia, dolore articolare

B) febbre, prurito, perdita di peso

C) febbre, perdita di peso, sudorazione notturna

D) febbre, perdita di peso, prurito, sudorazione notturna

E) prurito, sudorazione notturna, perdita di peso

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la ' febbre, perdita di peso, sudorazione notturna '.

12 di 41 
"Un prurito generalizzato in assenza di eruzione cutanea puo' essere dovuto a:"

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) stress

B) linfoma di Hodgkin

C) ostruzione biliare

D) tutte le risposte elencate sono corrette

E) uremia

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta è la D.
     
    Il prurito generalizzato è un sintomo spiacevole, avvertito a livello di cute e mucose, comune a numerose patologie, che può derivare da cause organiche o psicologiche, anche in assenza di altri segni cutanei. I meccanismi fisiopatologici responsabili non sono stati identificati completamente ma possono variare in base all’eziologia. Lo stress (risposta A errata), responsabile di alcuni casi di prurito psicogeno, e patologie organiche come il linfoma di Hodgkin (risposta B errata), l’ostruzione biliare con l’accumulo in circolo di sali biliari (risposta C errata) e l’uremia (risposta E errata) causa un maggiore rilascio di istamina e di altri mediatori chimici (come alcune citochine infiammatorie) in grado di eccitare i neuroni cutanei e di agire a vari livelli nel sistema di modulazione nervoso sia a livello centrale che periferico.  Per questi motivi, tutte le risposte elencate sono corrette.

13 di 41 
" La malattia di Hodgkin e': "

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) Un linfoma

B) Un processo arteriosclerotico

C) Un tumore nervoso

D) Un processo flogistico

E) Un processo degenerativo

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la ' Un linfoma '.

14 di 41 
"In un paziente con una tumefazione laterocervicale a localizzazione mediana di aspetto cistico prossima all'osso ioide qual e' la diagnosi piu' probabile? "

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) Cisti branchiale

B) Cisti del dotto tireoglosso

C) Cistoadenolinfoma

D) Linfoadenopatia colliquata

E) Cisti salivare o ranula

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la ' Cisti del dotto tireoglosso '.

15 di 41 
" Quale dei seguenti tumori NON e' associato ad AIDS "

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) Linfoma cerebrale

B) Linfoma NON Hodgkin ad elevata malignita'

C) Carcinoma della mammella

D) Sarcoma di Kaposi

E) Carcinoma della cervice uterina

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la ' Carcinoma della mammella '.

16 di 41 
" Nel morbo di Hodgkin sono in genere presenti i seguenti segni clinici tranne uno. Quale? "

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) Sudorazioni notturne

B) Prurito

C) Ipertensione arteriosa

D) Calo ponderale

E) Febbre

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la ' Ipertensione arteriosa '.

17 di 41 
"La componente M sierica e' costante in corso di"

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) policitemia vera

B) morbo di Waldenstrom

C) leucemia acuta linfoblastica

D) immunodeficienza comune variabile

E) linfoma di Hodgkin

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta è la B.
    La macroglobulinemia di Waldenstrom è una patologia maligna delle plasmacellule in cui le cellule B producono un'eccessiva quantità di proteine M di tipo IgM: la dimostrazione della proteina M e l’esame del midollo sono fondamentali nella diagnosi della malattia.
    Clinicamente si manifesta in vario modo, con sintomi che possono comprendere sindromi da iperviscosità, ma anche sanguinamenti, infezioni ricorrenti e adenopatie diffuse.

18 di 41 
"Alla presenza di quale delle seguenti neoformazioni mediastiniche si puo' associare una sintomatologia miastenica?"

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) linfoma

B) gozzo plongeant

C) timoma

D) malattia di Castleman

E) carcinoide

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta è la C.
    La miastenia gravis è una malattia autoimmune acquisita della giunzione neuromuscolare caratterizzata da debolezza e affaticabilità dei muscoli scheletrici. La maggior parte dei pazienti che sviluppano miastenia nell'adolescenza o nell'età adulta hanno autoanticorpi che svolgono un ruolo patogenetico importante attaccando il recettore dell'acetilcolina AChR, fissando ad esso il complemento e riducendo il numero di recettori nel tempo. Si ritiene che questi autoanticorpi abbiano origine nei centri germinali iperplastici del timo in cui sono raggruppate le cellule mioide che esprimono AChR.
    Circa la metà dei pazienti con miastenia gravis senza anticorpi anti-AChR hanno prevalentemente anticorpi IgG4 diretti verso la tirosina chinasi del muscolo specifico (MuSK), componente transmembrana della giunzione neuromuscolare postsinaptica.
    La maggior parte dei pazienti con miastenia gravis e anticorpi AChR positivi presenta anomalie timiche: iperplasia nel 60-70% e timoma nel 10-12%. Inoltre, la malattia spesso migliora o scompare dopo la timectomia: per tale ragione il timo è stato valutato come una possibile sede in cui delle alterazioni nella fase di riconoscimento antigene-anticorpo posso guidare lo sviluppo di questa malattia autoimmune.

19 di 41 
" Nel Morbo di Hodgkin con linfoadenopatia laterocervicale i linfonodi si presentano: "

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) di consistenza elastica

B) aderenti alla cute

C) indolenti e duri

D) dolenti alla pressione

E) colliquati

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la ' indolenti e duri '.

20 di 41 
" La scrofola e' dovuta a: "

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) una linfoadenite acuta

B) una linfoadenite tubercolare del collo

C) una ostruzione dei linfatici del collo

D) un linfoma primitivo del collo

E) una metastasi dei linfonodi cervicali da neoplasia del cavo orale

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la ' una linfoadenite tubercolare del collo '.

21 di 41 
"Iperfosfatemia, ipercalcemia, iperprotidemia, proteinuria e R. W. positiva si rilevano nella seguente condizione morbosa:"

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) cirrosi epatica

B) leucemia mieloide cronica

C) leucemia linfatica acuta

D) linfogranuloma di Hodgkin

E) mieloma multiplo

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta è la E.
    Il mieloma multiplo è caratterizzato dalla proliferazione neoplastica di plasmacellule che producono un'immunoglobulina monoclonale. Le plasmacellule proliferano nel midollo osseo e spesso provocano un'estesa distruzione scheletrica con lesioni osteolitiche, osteopenia e fratture patologiche.
    La diagnosi è spesso sospettata a causa di una o più delle seguenti presentazioni cliniche:
    - Dolore osseo con lesioni litiche scoperte su normali radiogrammi scheletrici o altre modalità di imaging
    - Segni o sintomi sistemici indicativi di malignità, come anemia inspiegabile
    - Ipercalcemia associata ad iperfosforemia;
    - Iperprotidemia;
    - Proteinuria;
    - Insufficienza renale acuta con analisi delle urine normale o raramente sindrome nefrosica a causa di amiloidosi da deposito di catene leggere.

22 di 41 
"La causa piu' frequente di adenopatia parailare bilaterale e':"

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) Tubercolosi sistemica dell'apparato linfatico 

B) Tubercolosi polmonare

C) Morbo d Hodgkin

D) Sarcoidosi

E) Micobatteriosi

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la 'Sarcoidosi'.

23 di 41 
"Il virus di Epstein- Barr e' l'agente patogeno di quale di queste malattie?"

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) carcinoma naso-faringeo

B) tutte queste malattie

C) nessuna di queste malattie

D) linfoma di Burkitt

E) mononucleosi infettiva

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    Il virus di Epstein-Barr puo' essere l'agente patogeno di tutte queste malattie: linfoma di Burkitt, carcinoma naso faringeo, mononucleosi infettiva.
    ​​​​​​​Il  linfoma di Burkitt (BL) è un linfoma non-Hodgkin altamente aggressivo delle cellule B, caratterizzato dalla traslocazione e deregolazione del gene MYC sul cromosoma 8.
    Sono conosciute tre distinte forme cliniche di linfoma di Burkitt: endemica (africana), sporadica (non endemica) e associati all'immunodeficienza.
    L'infezione cronica da virus di Epstein-Barr sembra avere un ruolo praticamente in tutti i casi di linfoma di Burkitt endemico e in una minoranza di linfomi associati ad immunodeficienza. Un'ipotesi è che l'infezione da EBV stimoli l'espansione delle cellule B durante la quale possono verificarsi traslocazioni che possono portare alla sovraespressione di MYC.
    Lo sviluppo del linfoma dipende dall'espressione costitutiva del proto-oncogene MYC localizzato sul cromosoma 8, che codifica per il fattore di trascrizione della proteina MYC che modula l'espressione di geni bersaglio implicati in molti processi cellulari, tra cui la crescita, la divisione cellulare e la morte cellulare per apoptosi.
    In quasi tutti gli studi, il linfoma di Burkitt è associato a una traslocazione tra il braccio lungo del cromosoma 8, il sito dell'oncogene MYC, e una delle tre posizioni sui geni delle immunoglobuline:
    Il gene della catena pesante Ig sul cromosoma 14: t(8; 14) presente in circa l’80% dei linfomi;
    Il gene della catena leggera kappa sul cromosoma 2: t (2; 8) nel 15% dei casi circa;
    Il gene della catena leggera lambda sul cromosoma 22: t (8; 22) in circa il 5% dei casi.
    Dal punto di vista immunofenotipico le cellule tumorali esprimono l'immunoglobulina di superficie di tipo IgM e le catene leggere di immunoglobulina kappa più spesso di lambda, gli antigeni associati alle cellule B (CD19, CD20, CD22, CD79a), i marcatori associati al centro germinale (CD10 e BCL6), così come HLA-DR e CD43; manca l’espressione di CD5, BCL2 e CD23.  L'espressione di CD21, invece, dipende dallo stato EBV dei tumori: essenzialmente tutti i casi di linfoma di Burkitt endemico sono positivi per EBV ed esprimono CD21, mentre la stragrande maggioranza di linfomi non endemici in pazienti non immunosoppressi è negativa per EBV e priva di espressione CD21.
    Clinicamente, i pazienti affetti da questo tipo di linfoma si presentano con una massa tumorale in rapida crescita e spesso hanno evidenza di lisi tumorale spontanea con una concentrazione di lattato deidrogenasi (LDH) molto elevata e livelli elevati di acido urico.
    La forma endemica si presenta come un tumore delle ossa mascellari o facciali nel 50-60% dei casi mentre il coinvolgimento primario dell'addome è meno comune. Il tumore primitivo può diffondersi a siti extranodali tra cui il mesentere, l'ovaio, il testicolo, il rene, le mammelle e le meningi. Il coinvolgimento del midollo osseo è visto in meno del 10% dei pazienti al momento della presentazione iniziale, ma è una complicanza comune di malattia ricorrente o resistente al trattamento.
    La forma sporadica, invece, di solito ha una presentazione addominale, il più delle volte coinvolge l'ileo distale, lo stomaco, il cieco, il mesentere, rene, testicolo, ovaio, seno, midollo osseo o sistema nervoso centrale. I sintomi di presentazione possono includere quelli relativi all'ostruzione intestinale o al sanguinamento gastrointestinale, che spesso imitano l'appendicite acuta o l'intussuscezione. Circa il 25% dei casi coinvolge la mascella o le ossa facciali. La linfoadenopatia, se presente, è generalmente localizzata. Il coinvolgimento del midollo osseo e del SNC si verifica approssimativamente nel 30 e 15% dei casi, rispettivamente, al momento della presentazione iniziale, ma sono complicanze comuni di malattia ricorrente o resistente al trattamento.
    La diagnosi del linfoma di Burkitt, dopo essere stata indagata l’anamnesi, la clinica e gli esami di laboratorio,  si basa sulla  biopsia del tessuto coinvolto, solitamente una massa addominale o qualche altro sito extranodale ad esempio, una massa mandibolare. L'istologia rivela cellule monomorfiche con citoplasma basofilo e un'alta frazione di proliferazione con la frazione Ki-67 + che si avvicina al 100%.
    L'analisi citogenetica dimostra una traslocazione che coinvolge il gene MYC sul cromosoma 8 e i riarrangiamenti che coinvolgono MYC possono solitamente essere rilevati mediante citogenetica di routine, ma anche mediante ibridazione in situ (FISH).

24 di 41 
"Nella stadiazione del linfoma di Hodgkin e' oggi ritenuto obbligatorio eseguire: "

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) Linfografia degli arti inferiori

B) TC del torace e dell'addome

C) Mediastinoscopia

D) Laparosplenectomia

E) Scintigrafia ossea

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la ' TC del torace e dell'addome '.

25 di 41 
"Quale dei seguenti composti non e' un disaccaride? "

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) trealosio

B) maltoso

C) isomaltoso

D) cellobioso

E) raffinosio

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la ' raffinosio '.

26 di 41 
"Tutte le seguenti sono neoplasie della linea linfocitaria B, TRANNE una. Quale?"

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) I linfomi follicolari

B) La leucemia linfatica cronica

C) La micosi fungoide 

D) Il linfoma di Burkitt

E) I linfomi a piccoli linfociti ben differenziati

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la 'La micosi fungoide '.

27 di 41 
"Nella maggior parte dei casi il Linfoma di Hodgkin deriva da"

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) Linfociti B

B) Linfociti T

C) cellule endoteliali

D) Cellule dendridiche

E) Macrofagi

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la 'Linfociti B'.

28 di 41 
"Il linfoma intestinale e' piu' frequente nei pz celiaci che:"

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) Sono stati diagnosticati tali nella prima infanzia

B) Tutte le risposte sono corrette

C) Non seguono la dieta priva di glutine

D) Nessuna risposta corretta

E) Sono portatori di un deficit di IgA associato

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la 'Non seguono la dieta priva di glutine'.

29 di 41 
"Il maltoma gastrico e' una conseguenza dell'infezione da H.pylori "

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) Solo nei soggetti al di sopra di 60 anni

B) Si' solo nel corpo

C) si solo nell'antro

D) Si'

E) No

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la ' Si' '.

30 di 41 
"Esiste una correlazione fra la esposizione al benzene e la comparsa di: "

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) sarcomi

B) linfomi non Hodgkin

C) glioblastomi

D) plasmocitoma

E) leucemie

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la ' leucemie '.

31 di 41 
"Un linfoma che interessi linfonodi ascellari bilateralmente e mediastino e' classificato come: "

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) stadio III

B) stadio II

C) stadio I

D) stadio IIE

E) stadio I

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la ' stadio II '.

32 di 41 
"La classificazione in stadi detta di Ann Arbor si riferisce: "

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) alla leucemia linfatica cronica

B) ai linfomi non Hodgkin

C) alle leucemie mieloidi

D) al linfoma di Hodgkin

E) a tutti i linfomi

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la ' a tutti i linfomi '.

33 di 41 
"Quale delle seguenti affezioni non e' correlata con il virus del papilloma umano?"

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) verruca cutanea;

B) papillomi orali;

C) condilomi acuminati;

D) linfoma di Hodgkin.

E) epidermodisplasia verruciforme

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la D
    Il papillomavirus umano (HPV) è un virus a DNA con tropismo per la cute e le mucose dell’uomo, quindi tutte le patologie che causa hanno origine epiteliale o mucosa, ovvero: verruca cutanea, papillomi orali, condilomi acuminati, epidermodisplasia verruciforme, ma non ovviamente linfoma di Hodgkin, che è un tumore maligno del sistema linfatico originante dai linfociti B ad origine multifattoriale e si crede possa presentare come causa eziologica sottostante anche un’infezione da virus di Epstein-Barr. Il Papilloma Virus Umano costituisce una famiglia che comprende oltre cento diversi genotipi del virus capaci di infettare l’uomo. Il contagio può avvenire attraverso la cute e le mucose, sebbene buona parte delle infezioni avvenga per via sessuale (rapporti orali, genitali, anali). Oltre che attraverso il contagio diretto, l’infezione può essere trasmessa per via indiretta mediante il contatto con superfici o oggetti contaminati. La maggior parte delle forme di HPV causa la formazione di lesioni benigne come verruche, condilomi e papillomi ma alcuni ceppi sono responsabili della nascita di lesioni evolutive maligne che si localizzano principalmente nella mucosa delle vie respiratorie superiori e a livello dei genitali maschili e femminili. Alcuni ceppi ben definiti dell’HPV sono stati identificati come responsabili del cancro della cervice uterina; in particolare l’HPV 16 ed il 18 vengono ritenuti ad alto rischio per l’evoluzione neoplastica maligna dell’infezione mentre il 6 e l’11 sono responsabili di circa il 90% dei condilomi.
    All’opposto, come detto, la verruca cutanea è la manifestazione classica dell’infezione da HPV, la più frequente e la meno grave (risposta A errata). Contrariamente, i papillomi orali sono le lesioni che si sviluppano a causa dell’HPV a livello della mucosa orale (risposta B errata). Al contrario, i condilomi acuminati sono le manifestazioni dell’infezione da HPV nelle mucose genitali (risposta C errata). Invece, l’epidermodisplasia verruciforme è una genodermatosi che predispone ad aumentato rischio di cancro della cute e suscettibilità alle infezioni da HPV (risposta E errata).

34 di 41 
"IL CISTOSARCOMA FILLOIDE DELLA MAMMELLA E':"

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) UNA FORMA DI LINFOMA

B) UNA FORMA DI SARCOMA

C) UNA FORMA DI CARCINOMA

D) UNA FORMA DI TERATOMA

E) UNA FORMA DI FIBROADENOMA

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la 'UNA FORMA DI FIBROADENOMA '.

35 di 41 
"Quale e' l'elemento cellulare caratteristico del tessuto granulomatoso nel linfoma di Hodgkin?"

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) Megacariocita

B) Eritroblasto

C) Plasmacellula

D) Mastzellen

E) Cellula di Sternberg

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la 'Cellula di Sternberg'.

36 di 41 
"Sono causa di prurito nelle persone anziane:"

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) tutte le risposte sono corrette

B) linfoma

C) ipotiroidismo

D) pemfingoide bolloso

E) ipertiroidismo

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la 'tutte le risposte sono corrette'.

37 di 41 
"La principale finalita' dello smaltimento dei liquami e': "

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) Ossidazione delle sostanze inorganiche presenti

B) Allontanamento mediante fognature

C) Versamento diretto del liquame nei recettori

D) Irrigazione del terreno

E) Mineralizzazione delle sostanze organiche contenute nei liquami

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la ' Mineralizzazione delle sostanze organiche contenute nei liquami '.

38 di 41 
"Nell'ambito dello smaltimento dei rifiuti solidi in Italia la porzione avviata alla termodistruzione nei circa .....(1)..... presenti sul territorio nazionale e' di circa il .....(2)..... sul totale dei rifiuti prodotti. "

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) (1) 400 impianti; (2) 50%

B) (1) 10 impianti; (2) 8%

C) (1) 250 impianti; (2) 80%

D) (1) 80 impianti; (2) 80%

E) (1) 80 impianti; (2) 8%

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la ' (1) 80 impianti; (2) 8% '.

39 di 41 
"In un uomo di 60 anni con anemia ed epatosplenomegalia si ha punctio sicca al puntato sternale; la biopsia osteomidollare alla cresta iliaca mostra fibrosi marcata, sinusoidi dilatati contenenti cellule immature e megacariociti atipici. Di quale patologia puo' trattarsi?"

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) metastasi midollare da carcinoma

B) linfoma di Hodgkin

C) anemia aplastica

D) mielofibrosi idiopatica

E) infezione tubercolare

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la D
    Il caso clinico descritto è quello della mielofibrosi, una sindrome mieloproliferativa cronica caratterizzata da fibrosi midollare, emopoiesi extramidollare, anemia, leucoeritroblastosi e splenomegalia.  Di frequente riscontro sono le mutazioni di JAK2, CALR o MPL. L’epatosplenomegalia è il sintomo più importante per il paziente: la splenomegalia massiva può essere dolente, comprimere e dislocare gli organi addominali e favorire la comparsa di ascite e versamenti pleurici e pericardici, oltre a facilitare gli infarti splenici e/o le trombosi addominali. Affianca le citopenie (soprattutto anemia e piastrinopenia) la leucocitosi con un tipico quadro leuco-eritroblastico, caratterizzato da elementi immaturi della serie bianca e rossi dacriociti.

40 di 41 
"Che cosa e' la micosi fungoide?"

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) una tesaurismosi

B) una malattia infettiva

C) una malattia genetica

D) una dermatite autoimmune

E) un linfoma cutaneo a cellule T

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la E
    La Micosi Fungoide rappresenta la forma più frequente di linfoma cutaneo a cellule T (risposte A, B, C e D errate) e colpisce prevalentemente adulti e anziani; può persistere in una fase stabilizzata anche per 20 anni senza evoluzioni. Si distinguono tre stadi progressivi: stadio in chiazza (I) che interessa solo l’epidermide in aree sparse ed isolate, stadio in placca (II) in cui viene coinvolto anche il derma e lo stadio tumorale (III). Il I stadio si presenta con chiazze eritematose non rilevate con modesto infiltrato linfocitario, il II stadio comporta l’evoluzione delle chiazze in placche rilevate palpabili in cui l’epidermide è infiltrato da gruppi di mononucleati detti microascessi di Pautrier, oltre che da linfociti, eosinofili, plasmacellule ed istiociti e può interessare il derma; nel III stadio oltre a chiazze e placche si presentano noduli cutanei spesso ulcerati che espongono il soggetto a complicanze infettive e l’infiltrato si estende a tutto il derma e talvolta al sottocute. 

41 di 41 
"Quale e' la neoplasia renale piu' frequente nell'infanzia? "

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) adenocarcinoma

B) neuroblastoma

C) linfoma

D) carcinoma papillare

E) nefroblastoma

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la ' nefroblastoma '.

background