Sign up with Email

Already have an account? Login


1 di 41 
"In una polmonite da Staphylococcus aureus meticillino-resistente l'antibiotico di scelta e': "

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) gentamicina

B) claritromicina

C) vancomicina

D) piperacillina

E) oxacillina

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la ' vancomicina '.

2 di 41 
" In caso di meningite da streptococco pneumoniae, quale dei seguenti antibiotici e' quello piu' indicato? "

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) Ossitetraciclina

B) Gentamicina

C) Clindamicina

D) Cefotaxime

E) Fosfomicina

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la ' Cefotaxime '.

3 di 41 
"Quale dei seguenti germi patogeni non e' comunemente sensibile alle cefalosporine di terza generazione: "

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) Streptococco B

B) Borrelia

C) Gonococco

D) Salmonella

E) Listeria

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la ' Listeria '.

4 di 41 
"Le infezioni da protozoi sono:"

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) L'actinomicosi

B) Il lupus volgare

C) La leishmaniosi

D) La polmonite batterica

E) L'impetigine

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la C
    La leshmaniosi è un’infezione da protozoi trasmessa attraverso la puntura del dittero Phlebotomus, il cui resevoir più frequente è il cane. Esistono tre forme di leshmaniosi, causate da tre specie diverse di leshmania: la forma cutanea o bottone d’Oriente si mostra come una papula nel punto di inoculazione del dittero che evolverà in una crosta la quale, staccandosi, residuerà in un’ulcera; la forma viscerale o kala azar è una forma tipica dei soggetti immunodepressi caratterizzata da febbre, epatosplenomegalia, linfoadenopatia periferica e colorazione cutanea grigiastra che si presenta tardivamente; infine, più rara, la forma mucocutanea interessa in particolar modo la mucosa del naso e della bocca con un andamento deturpante.

5 di 41 
"In quale delle seguenti condizioni NON si osserva abitualmente un rialzo significativo delle transaminasi seriche:"

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) Toxoplasmosi

B) Mononucleosi infettiva

C) Epatite acuta virale

D) Insufficienza cardiaca congestizia

E) Febbre tifoide

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta è la A   
    La Toxoplasmosi, un’infezione da Toxoplasma gondii trasmessa per l’ingestione di cisti tissutali presenti in carne infetta, oppure, cibi e acqua contaminati da oocisti o direttamente da feci feline, non determina solitamente un aumento delle transaminasi sieriche. I sintomi variano da una condizione asintomatica a una di linfoadenomegalia benigna (malattia simil-mononucleosica), fino a una malattia potenzialmente letale del sistema nervoso centrale o con coinvolgimento di altri organi nelle persone immunocompromesse. L'encefalite si può sviluppare nei pazienti con AIDS e bassa conta di CD4. Nell'infezione congenita si manifestano retino-coroidite, convulsioni e deficit intellettivo. Al contrario, il riscontro di elevati valori di transaminasi sieriche può suggerire, ad esempio, la presenza di mononucleosi infettiva (risposta B infettiva), epatite virale acuta (risposta C errata), insufficienza cardiaca congestizia (risposta D errata) o febbre tifoide (risposta E errata).

6 di 41 
"Quale dei seguenti batteri e' Gram-negativo "

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) Neisseria meningitidis

B) Staphylococcus aureus

C) Streptococcus pyogenes

D) Staphylococcus epidermidis

E) Enterococcus faecalis

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la ' Neisseria meningitidis '.

7 di 41 
"Quale di queste malattie puo' presentarsi con meningite e tumefazione delle ghiandole salivari sottomascellari e sottolinguali:"

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) morbillo

B) istoplasmosi

C) toxoplasmosi

D) parotite epidemica

E) scarlattina

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la D
    La parotite epidemica è una malattia virale sistemica, acuta e contagiosa, responsabile di una tumefazione dolorosa delle ghiandole salivari, più comunemente delle parotidi, e può associarsi ad alcune complicanze fra le quali si annoverano l'orchite, la meningoencefalite e la pancreatite.  In tale infezione, ’interessamento delle meningi è più raro, circa il 10% dei casi, e si tratta di una meningoencefalite spesso a decorso benigno e senza sequele. La parotite spesso colpisce i bambini e gli adolescenti, al giorno d’oggi i casi sono molto diminuiti in seguito all’obbligatorietà del vaccino, in combinazione con la rosolia e il morbillo.
    Contrariamente, il morbillo è una patologia esantematica che si manifesta con eritema maculo-papuloso, febbre, tosse, rinorrea e le patognomoniche macchie bianche sul palato, le macchie di Koplik; è raro un coinvolgimento encefalitico o meningeo e non sono riportati casi di interessamento della ghiandole salivari maggiori (risposta A errata). Invece, l’istoplasmosi è una patologia infettiva fungina che colpisce il tratto respiratorio e, in particolare, i polmoni; esiste una forma disseminata o sistemica che, però, colpisce i soli pazienti fortemente immunodepressi (risposta B errata). All’opposto, la toxoplasmosi è una parassitosi di derivazione animale, l’ospite definitivo è il gatto, e causa differenti sintomatologie in base all’età, allo stato del sistema immunitario e all’organo principalmente colpito; può causare meningite e altri sintomi cerebrali se vengono colpiti ma non attacca le ghiandole salivari (risposta C errata). Al contrario, la scarlattina è una patologia di origine batterica, causata infatti da S. Pyognenes, caratterizzata da febbre, faringodinia e esantema puntiforme patognomonico a capocchia di spillo; non causa sintomatologia cerebrale o non colpisce le ghiandole salivari (risposta E errata).

8 di 41 
"Un bambino di 3 mesi che dopo 3 giorni di febbre elevata presenta una brusca remissione della temperatura con comparsa di un esantema rosaceo esteso a tronco e collo; e' affetto da:"

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) esantema critico

B) infezione congenita da Cytomegalovirus

C) morbillo

D) rosolia

E) toxoplasmosi congenita

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la 'esantema critico'.

9 di 41 
"Quale delle seguenti infezioni contratte in gravidanza puo' determinare danno fetale:"

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) Scarlattina

B) Rosolia

C) Varicella

D) Morbillo

E) Tutte le risposte sono corrette

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la 'Rosolia'.

10 di 41 
"In corso di mononucleosi infettiva i rari casi letali sono dovuti a: "

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) grave trombocitopenia

B) anemia emolita acuta

C) miocardite

D) epatite acuta

E) rottura della milza

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la ' rottura della milza '.

11 di 41 
"A quale famiglia appartiene il virus del morbillo: "

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) Herpesviridae

B) Poxviridae

C) Togaviridae

D) Paramyxoviridae

E) Parvoviridae

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la ' Paramyxoviridae '.

12 di 41 
"Quali dei seguenti microrganismi responsabili di vaginite richiede il trattamento di entrambi i partners?"

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) Lactobacillus

B) Streptococco di gruppo B

C) Nessuna delle precedenti

D) Trichomonas

E) Herpes simplex virus

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la D
    Richiede il trattamento di entrambi i partners la vaginite da Trichomonas vaginalis, infezione protozoaria che si presenta in maniera sintomatica nella donna, con abbondante leucorrea maleodorante di colore giallo-verdastro, ma che può residuare in maniera asintomatica nell’uomo, configurando così un fattore di rischio per un nuovo contagio. Differentemente, il lactobacillus, bacillo gram-positivo normalmente appartenente al microbiota vaginale e coinvolto nella regolazione dell’acidità vaginale stessa, non richiede alcun trattamento non essendo causa di vaginite (risposta A errata). All’opposto, lo streptococco di gruppo B o agalatiae può essere causa di vaginite ma più frequentemente si ritrova a livello genitourinario in maniera asintomatica, rappresentando un’indicazione al trattamento unicamente nella paziente affetta in caso di gravidanza (risposta B errata). Infine, l’infezione genitale da herpes simplex richiede il trattamento del partner solo in caso di sintomaticità (risposta E errata).
    ​​​​​​​Aggiornato al 02/04/21

13 di 41 
"Quale delle seguenti sedi di frattura e' caratteristica dell'osteoporosi senile?"

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) quinta vertebra sacrale

B) epifisi distale di radio e ulna

C) epifisi prossimale dell'omero

D) collo del femore

E) teca cranica

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta è la D
    La sede di frattura caratteristica dell’osteoporosi senile è il collo del femore. L’osteoporosi è una patologia cronica caratterizzata da una perdita progressiva della densità minerale ossea che determina un aumento della fragilità del tessuto osseo esponendolo ad un aumentato il rischio di fratture patologiche. L’osteoporosi primitiva, ovvero quella non attribuibile a cause iatrogene, può essere distinta da un punto di vista eziopatogenetico in: tipo I (menopausale) e tipo II (senile). L’osteoporosi di tipo I o menopausale è più frequentemente associata a fratture patologiche vertebrali e dell’epifisi distale di radio e ulna (risposte A e B errate), mentre quella di tipo II a fratture del femore. Al contrario, le fratture dell’epifisi prossimale dell’omero e della teca cranica hanno un’origine prevalentemente traumatica (risposte D e E errate).

14 di 41 
"L'aumento delle IgA e' piu' frequente : "

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) nella colelitiasi

B) nell' epatite C acuta 

C) nella cirrosi alcolica

D) in tutte queste malattie

E) nella mononucleosi infettiva

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la 'nella cirrosi alcolica'.

15 di 41 
"L'agente eziologico piu' comune nell'endocardite batterica nei bambini e': "

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) Neisseria

B) Candida

C) Aemophilus influenza

D) Streptococco viridans

E) Stafilococco

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la ' Streptococco viridans '.

16 di 41 
"Splenomegalia e' assente in: "

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) policitemia vera

B) cirrosi

C) ca metastatico del colon

D) Leucemia Linfoide Cronica

E) mononucleosi infettiva

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la ' ca metastatico del colon '.

17 di 41 
"Quale delle seguenti condizioni e' meno probabilmente associata ad un quadro di eosinofilia? "

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) asma bronchiale

B) infezione da stafilococco aureo

C) sindrome ipereosinofila

D) infezione da parassiti

E) leucemia mieloide cronica

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la ' infezione da stafilococco aureo '.

18 di 41 
"Mediamente il periodo di incubazione della scarlattina e':"

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) 21 giorni

B) 30 giorni

C) 15-20 giorni

D) 8-10 giorni

E) 2-5 giorni

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la E
    La scarlattina è un malattia esantematica tipica dell’età pediatrica, causata da alcuni ceppi produttori di tossine di Streptococcus pyogens, il cui periodo di incubazione è di circa 2-5 giorni.  L’età più frequente di comparsa è intorno ai 5-15 anni. Clinicamente si presenta con una fase prodromica ad esordio acuto con febbre, brividi, cefalea e vomito. Durante i primi giorni la lingua diventa biancastra (lingua a fragola bianca), mentre successivamente desquama e assume carattere di intensa iperemia (lingua a fragola rossa). Si rinvengono, inoltre, tonsille ipertrofiche ricoperte da essudati bianco-grigiastri ed enantemi petecchiali sul palato molle. Nella fase esantematica comparirà, poi, un esantema micro papulare, confluente sul volto ed intenso sulle guance con risparmio della zona nasale, che sbianca alla pressione e che si risolverà con desquamazione intorno al settimo giorno.

19 di 41 
"Il genoma dei paramyxovirus e' rappresentato da: "

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) DNA a doppia elica lineare

B) RNA a singola catena lineare

C) DNA a singola catena lineare

D) RNA a singola elica circolare

E) DNA a singola elica circolare

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la ' RNA a singola catena lineare '.

20 di 41 
"Quale fra questi gruppi di virus ha un genoma distinto in 8 frammenti di RNA? "

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) orthomyxovirus

B) retrovirus

C) togavirus

D) picornavirus

E) paramyxovirus

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la ' orthomyxovirus '.

21 di 41 
"A quale delle seguenti famiglie di virus appartiene il virus del morbillo? "

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) picornaviridae

B) togaviridae

C) orthomyxoviridae

D) paramyxoviridae

E) rhabdoviridae

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la ' paramyxoviridae '.

22 di 41 
"Quale di questi microrganismi e' naturalmente resistente all'azione degli antibiotici beta-lattamici? "

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) Streptococcus pneumoniae

B) Streptococcus pyogenes

C) Mycoplasma pneumoniae

D) Staphylococcus aureus

E) Neisseria meningitidis

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la ' Mycoplasma pneumoniae '.

23 di 41 
"A quale fra i seguenti gruppi di virus appartiene il virus repiratorio sinciziale? "

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) paramyxovirus

B) arenavirus

C) poxvirus

D) parvovirus

E) coronavirus

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la ' paramyxovirus '.

24 di 41 
"Uno solo di questi agenti patogeni NON produce enterotossina. Quale?"

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) Clostridium botulinum

B) Vibrio cholerae

C) Staphylococcus aureus

D) Clostridium perfringens

E) Shigella dysenteriae

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la A
    Il Clostridium botulinum è un batterio Gram + anaerobico, proteolitico e sporigeno che normalmente colonizza l’intestino degli erbivori. Per questo motivo è facilmente riscontrabile nel terreno o negli alimenti. Produce una esotossina termolabile ma acidoresistente e con azione neurotossica responsabile di botulismo, di cui le forme più diffuse sono quello alimentare, quello del neonato e quello da ferita. Nel botulismo alimentare, l’ingestione accidentale di tale tossina da parte dell’uomo porta alla paralisi muscolare flaccida, diplopia, e debolezza muscolare a causa del legame di tale tossina ad alcune proteine (la SNAP-25, la sintaxina e la sinaptobrevina) collocate a livello della giunzione muscolare, impedendo quindi il rilascio dell’acetilcolina contenuta nelle vescicole sinaptiche. Nei casi più gravi, la paralisi dei muscoli respiratori porta alla morte del soggetto. Il colera è una patologia a trasmissione oro-fecale causata dall’enterotossina prodotta dal Vibrio Cholerae, che può essere contratta in seguito all'ingestione di acqua o cibi contaminati da materiale fecale proveniente da individui infetti, che si manifesta con diarrea secretoria “ad acqua di riso” come sintomo principale che esordisce dopo poche ore o entro 5 giorni dal contagio (Risposta B errata). Lo Staphylococcus aureus è un batterio Gram positivo capace di produrre enterotossine  causa  di tossinfezione alimentare (Risposta C errata), così come il Clostridium perfrigens, un batterio Gram positivo anaerobico,  che è responsabile principalmente di tossinfezioni alimentari ma anche di altre condizioni come la gangrena gassosa (Risposta D errata) e la Shigella Dysenteriae che appartiene alla famiglia delle Enterobacteriaceae e al genere Shigella, responsabile della cosiddetta “dissenteria bacillare” o shigellosi che può essere contratta attraverso l’ingestione di cibo e di acque contaminate, quindi per via oro-fecale (Risposta E errata).

25 di 41 
"Quale dei seguenti microrganismi e' sporigeno? "

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) Staphylococcus haemolyticus

B) Clostridium tetani

C) Listeria monocytogenes

D) Aeromonas hydrophila

E) Enterococcus faecalis

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la ' Clostridium tetani '.

26 di 41 
"HBsAg e' un marcatore del: "

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) virus dell'epatite B

B) virus del morbillo

C) HIV

D) virus dell'epatite A

E) virus erpetici

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la ' virus dell'epatite B '.

27 di 41 
"Quale delle seguenti affermazioni su Staphylococcus aureus non e' esatta? "

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) produce numerose tossine

B) e' un batterio invasivo

C) molti ceppi sono sensibili alla penicillina

D) produce una coagulasi

E) e' Gram positivo

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la ' molti ceppi sono sensibili alla penicillina '.

28 di 41 
"La panencefalite subacuta sclerosante e' una malattia neurologica progressiva che si puo' instaurare in individui infettati in precedenza con:"

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) il virus del morbillo

B) il virus parainfluenzale di tipo 1

C) il virus della rosolia

D) il virus della parotite

E) il virus dell'immunodeficienza umana

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta è la A.
    La panencefalite subacuta sclerosante è un encefalite cronica causata da un'infezione persistente determinata dal virus del morbillo: è una patologia progressiva e fatale, che si manifesta mesi o anni dopo un episodio di morbillo. Il morbillo è un’infezione vitale molto contagiosa e molto diffusa (infatti infetta circa 20 milioni di persone e provoca circa 200.000 decessi ogni anno prevalentemente fra i bambini)
    Il morbillo è causato dal virus del morbillo; questo virus è un paramyxovirus ed è una malattia umana che si caratterizza per l’assenza di un serbatoio animale. Per quanto riguarda la trasmissione, solitamente il morbillo si trasmette da una persona ad un'altra attraverso goccioline di grandi dimensioni che vengono emesse con la tosse oppure attraverso piccole goccioline di aerosol. Una volta iniziata la desquamazione, questa patologia non è più contagiosa. Dal punto di vista clinico questa malattia si caratterizza per un’eruzione cutanea maculo-papulare (che ha la caratteristica di estendersi in senso cranio-caudale), tosse, congiuntivite, tosse, rinite, macchie di Koplik. Per questa patologia, esiste il vaccino e la diagnosi è solitamente clinica. Le complicanze rare di questa patologia sono: polmonite, superinfezione batterica, encefalite, epatite transitoria, porpora trombocitopenica acuta ed appunto la panencefalite subacuta sclerosante che clinicamente determina: deterioramento cognitivo (da lievi cambiamenti del comportamento fino alla demenza franca), disturbi della memoria, convulsioni, cecità corticale, allucinazioni, spasmi mioclonici, insonnia, morte.
    Le risposte B, C, D ed E non sono corrette.
    Le opzioni indicate non sono responsabili di tale patologia.

29 di 41 
" In quali patologie delle vie aereo-digestive superiori il virus di Epstein-Barr e' considerato un potenziale agente etiologico? "

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) Carcinoma indifferenziato rinofaringeo

B) Adenoma pleomorfo parotideo

C) Estesioneuroblastoma

D) Papillomatosi laringea

E) Rinoscleroma

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la 'Carcinoma indifferenziato rinofaringeo '.

30 di 41 
"Al rientro da un soggiorno in Thailandia, un uomo di 30 anni presenta febbre elevata (40 gradi) insorta da due giorni, cefalea retroorbitaria, dolori ossei e muscolari. All'esame obiettivo e' presente un rash morbilliforme. LA ricerca del parassita malarico e' negativa; gli esami ematochimici dimostrano la presenza di leucopenia (3400/microlitro) e piastrinopenia (95.000/microlitro). La diagnosi piu' probabile e':"

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) Febbre dengue

B) Brucellosi

C) Febbre tifoide

D) Meningite

E) Mononucleosi infettiva

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la 'Febbre dengue'.

31 di 41 
" La leucemia acuta a cellule T dell'adulto e' associata a: "

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) adenovirus

B) HTLV-1

C) virus di Epstein-Barr

D) citomegalovirus

E) parvovirus

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la ' HTLV-1 '.

32 di 41 
" Quale germe e' quasi sempre responsabile di una endocardite lenta? "

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) corynebacterium della difterite

B) streptococco beta-emolitico tipo 49

C) stafilococco aureo

D) streptococco beta-emolitico tipo 12

E) streptococco viridans

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la ' streptococco viridans '.

33 di 41 
" L'anemia emolitica con steatosi epatica (s. di Zieve) si rileva in una di queste condizioni: "

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) alcoolismo grave

B) incidente trasfusionale

C) ipertensione arteriosa

D) uremia cronica

E) mononucleosi infettiva

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la ' alcoolismo grave '.

34 di 41 
"Il virus di Epstein- Barr e' l'agente patogeno di quale di queste malattie?"

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) carcinoma naso-faringeo

B) tutte queste malattie

C) nessuna di queste malattie

D) linfoma di Burkitt

E) mononucleosi infettiva

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    Il virus di Epstein-Barr puo' essere l'agente patogeno di tutte queste malattie: linfoma di Burkitt, carcinoma naso faringeo, mononucleosi infettiva.
    ​​​​​​​Il  linfoma di Burkitt (BL) è un linfoma non-Hodgkin altamente aggressivo delle cellule B, caratterizzato dalla traslocazione e deregolazione del gene MYC sul cromosoma 8.
    Sono conosciute tre distinte forme cliniche di linfoma di Burkitt: endemica (africana), sporadica (non endemica) e associati all'immunodeficienza.
    L'infezione cronica da virus di Epstein-Barr sembra avere un ruolo praticamente in tutti i casi di linfoma di Burkitt endemico e in una minoranza di linfomi associati ad immunodeficienza. Un'ipotesi è che l'infezione da EBV stimoli l'espansione delle cellule B durante la quale possono verificarsi traslocazioni che possono portare alla sovraespressione di MYC.
    Lo sviluppo del linfoma dipende dall'espressione costitutiva del proto-oncogene MYC localizzato sul cromosoma 8, che codifica per il fattore di trascrizione della proteina MYC che modula l'espressione di geni bersaglio implicati in molti processi cellulari, tra cui la crescita, la divisione cellulare e la morte cellulare per apoptosi.
    In quasi tutti gli studi, il linfoma di Burkitt è associato a una traslocazione tra il braccio lungo del cromosoma 8, il sito dell'oncogene MYC, e una delle tre posizioni sui geni delle immunoglobuline:
    Il gene della catena pesante Ig sul cromosoma 14: t(8; 14) presente in circa l’80% dei linfomi;
    Il gene della catena leggera kappa sul cromosoma 2: t (2; 8) nel 15% dei casi circa;
    Il gene della catena leggera lambda sul cromosoma 22: t (8; 22) in circa il 5% dei casi.
    Dal punto di vista immunofenotipico le cellule tumorali esprimono l'immunoglobulina di superficie di tipo IgM e le catene leggere di immunoglobulina kappa più spesso di lambda, gli antigeni associati alle cellule B (CD19, CD20, CD22, CD79a), i marcatori associati al centro germinale (CD10 e BCL6), così come HLA-DR e CD43; manca l’espressione di CD5, BCL2 e CD23.  L'espressione di CD21, invece, dipende dallo stato EBV dei tumori: essenzialmente tutti i casi di linfoma di Burkitt endemico sono positivi per EBV ed esprimono CD21, mentre la stragrande maggioranza di linfomi non endemici in pazienti non immunosoppressi è negativa per EBV e priva di espressione CD21.
    Clinicamente, i pazienti affetti da questo tipo di linfoma si presentano con una massa tumorale in rapida crescita e spesso hanno evidenza di lisi tumorale spontanea con una concentrazione di lattato deidrogenasi (LDH) molto elevata e livelli elevati di acido urico.
    La forma endemica si presenta come un tumore delle ossa mascellari o facciali nel 50-60% dei casi mentre il coinvolgimento primario dell'addome è meno comune. Il tumore primitivo può diffondersi a siti extranodali tra cui il mesentere, l'ovaio, il testicolo, il rene, le mammelle e le meningi. Il coinvolgimento del midollo osseo è visto in meno del 10% dei pazienti al momento della presentazione iniziale, ma è una complicanza comune di malattia ricorrente o resistente al trattamento.
    La forma sporadica, invece, di solito ha una presentazione addominale, il più delle volte coinvolge l'ileo distale, lo stomaco, il cieco, il mesentere, rene, testicolo, ovaio, seno, midollo osseo o sistema nervoso centrale. I sintomi di presentazione possono includere quelli relativi all'ostruzione intestinale o al sanguinamento gastrointestinale, che spesso imitano l'appendicite acuta o l'intussuscezione. Circa il 25% dei casi coinvolge la mascella o le ossa facciali. La linfoadenopatia, se presente, è generalmente localizzata. Il coinvolgimento del midollo osseo e del SNC si verifica approssimativamente nel 30 e 15% dei casi, rispettivamente, al momento della presentazione iniziale, ma sono complicanze comuni di malattia ricorrente o resistente al trattamento.
    La diagnosi del linfoma di Burkitt, dopo essere stata indagata l’anamnesi, la clinica e gli esami di laboratorio,  si basa sulla  biopsia del tessuto coinvolto, solitamente una massa addominale o qualche altro sito extranodale ad esempio, una massa mandibolare. L'istologia rivela cellule monomorfiche con citoplasma basofilo e un'alta frazione di proliferazione con la frazione Ki-67 + che si avvicina al 100%.
    L'analisi citogenetica dimostra una traslocazione che coinvolge il gene MYC sul cromosoma 8 e i riarrangiamenti che coinvolgono MYC possono solitamente essere rilevati mediante citogenetica di routine, ma anche mediante ibridazione in situ (FISH).

35 di 41 
" Splenomegalia puo' rilevarsi in una di queste condizioni: "

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) morbillo

B) cistopielite

C) polmonite batterica

D) rosolia

E) colera

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la ' rosolia '.

36 di 41 
"Tutte le seguenti affermazioni riguardo la sepsi neonatale sono vere, tranne:"

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) La rottura prolungata del sacco amniotico materno(uguale o maggiore alle 24 ore) predispone alla malattia

B) I piu' comuni agenti eziologici sono lo Streptococco betaemolitico gruppo

C) La conta, completa e differenziale, degli elementi figurati del sangue non sono diagnosticamente utili

D) La terapia iniziale deve comprendere ampicillina e un aminoglicoside per via parenterale

E) Segni clinici importanti sono: instabilita' termica, sintomi respiratori e iporeattivita'

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la 'La conta, completa e differenziale, degli elementi figurati del sangue non sono diagnosticamente utili'.

37 di 41 
"Quale tra questi germi piogeni sostiene piu' spesso le flogosi suppurative? "

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) diplococco

B) streptococco viridans

C) stafilococco aureo

D) stafilococco epidermidis

E) streptococco fecale

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la ' stafilococco aureo '.

38 di 41 
"Il patogeno piu' frequentemente isolato da cheratiti suppurative e': "

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) Enterococcus faecium

B) Staphylococcus aureus

C) Proteus vulgaris

D) Haemophilus Influenzae

E) Pseudomonas aeruginosa

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la ' Staphylococcus aureus '.

39 di 41 
"Cos'e' Neisseria gonorrhoeae? "

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) Un diplococco Gram-negativo

B) Uno streptococco

C) Uno streptobacillo Gram-positivo

D) Uno streptobacillo Gram-negativo

E) Un diplococco Gram-positivo

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la ' Un diplococco Gram-negativo '.

40 di 41 
"Quale delle seguenti infezioni puo' essere associata a glomerulonefrite acuta?"

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) Infezione da Streptococco beta-emolitico

B) Candida del cavo orale

C) Tubercolosi

D) Nessuna delle infezioni elencate

E) Epatite da virus A 

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la 'Infezione da Streptococco beta-emolitico'.

41 di 41 
"Qual e' il germe piu' spesso responsabile di una endocardite batterica subacuta "

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) Corynebacterium della difterite

B) Streptococco beta-emolitico tipo 12

C) Streptococco viridans

D) Stafilococco aureo

E) Streptococco beta-emolitico tipo 49

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la ' Streptococco viridans '.

background