Simulazione FB NEW Casi 371-375 – Test Ammissione

Simulazione

Cliccando in alto a destra sul pulsante "+" e' possibile "Consegnare", "Salvare e Interrompere", "Salvare e Continuare" il compito.

1 di 5 Domande

Che cosa e' presente in questo ECG?

product image

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo














 La risposta corretta è la A.
Il paziente, in base all’elettrocardiogramma, presenta segni di Ipertrofia ventricolare sx. Sono soddisfatti i criteri di Cornell con SV3+ R AVL di circa 30 mm, criteri di Sokolow con V1S + V5 R di molto maggiore di 30 mm, oltre che per la presenza di deviazione assiale sx. Infatti, il referto mostra: “Ritmo sinusale a FC 75 bpm. Segni di ipertrofia ventricolare sx. Anomalie secondarie del recupero.”

Rif. ECGFai221

2 di 5 Domande

Bambino di 1 anno con presenza di soffio al mesocardio I/VI esegue ECG. Unica sintamotologia riferita dalla madre: facile affaticabilita'. Quale tra questi e' il reperto patologico per eta'?

product image

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo














La risposta corretta è la E.
Il paziente, in base ai reperti clinico anamnestici e all’elettrocardiogramma, presenta  come reperto patologico per etĂ : bradicardia sinusale ed emiblocco anteriore sx.  Infatti per i bambini di 1-2 anni la FC deve essere di 90-140 battiti, e la prevalenza dx è un elemento fisiologico , infatti il vettore di depolarizzazione tende a diventare piĂą simile a quello dell’adulto verso i 4-6 anni di vita con il progressivo maggiore sviluppo delle sez. sx rispetto alle dx. L’emiblocco anteriore sx, la deviazione assiale sx e l’ingrossamento delle sezioni sx non è comune nei primi mesi/anni di vita (unica eccezione nel nascituro quando prematuro). Infatti, il referto mostra: “Ritmo sinusale a FC  60 bpm. BAV I grado (PR 240 ms). Emiblocco anteriore sx. Segni di fisiologica prevalenza dx bpm. Onde T negative in V1-4 come da pattern giovanile.”

Rif. ECGFai222

3 di 5 Domande

Uomo di 64 anni, asintomatico, che viene nel vostro studio per normale screening cardiologico. Esegue pertanto un tracciato ECG. Quale anomalie e' presente in questo ECG?

product image

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo














La risposta corretta è la B.
Il paziente, in base ai dati clinico-anamnestici e all’elettrocardiogramma, presenta probabilmente Blocco senoatriale II grado Mobitz 1, in quanto il PR è costante e mentre il PP  si accorcia, segue una pausa che poi non è compensatoria, cioè non è doppia del ciclo standard. Infatti, il referto mostra: “Blocco seno-atriale II grado Mobitz1 con pausa di 1.1 secondi, cui segue un QRS giunzionale. Anomalie aspecifiche del recupero”.

Rif. ECGFai223

4 di 5 Domande

Paziente di 52 anni con palpitazioni. Al PS si tentano manovre vagali, ma solo l’adenosina riesce nella risoluzione. Questo e' il tracciato successivo alla risoluzione, che cosa si evidenzia?

product image

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo














La risposta corretta è la A.
Il paziente, in base all’elettrocardiogramma, presenta probabilmente Pre-eccitazione da via postero-settale sx, come si evidenzia dall’onda delta positiva in precordiali con maggiore positivitĂ  in V3-5, oltre ad allontanarsi  dalle derivazioni inferiori (onda delta negativa) e diretto verso l’alto e a sx (onda delta positiva in I e AVL). Infatti, il referto mostra: “Ritmo sinusale a FC 120 bpm. PR 90 ms. Onda delta come da pre-eccitazione da probabile via accessoria postero-settale sx. Anomalie secondarie del recupero.”

Rif. ECGFai224

5 di 5 Domande

Siete in un presidio di GM montuoso, lontano ben 4 ore dal primo presidio con laboratorio di emodinamica. Giunge alla vostra attenzione paziente di 67 anni con dolore toracico costrittivo, irradiato al giugulo. Pertanto eseguite immediatamente ECG, in quanto l’esame obiettivo e' muto, e la PA sui 150/100 mmHg. Come proseguireste l’iter diagnostico-terapeutico?

product image

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo














La risposta corretta è la B.
Per il paziente, in base ai reperti clinico anamnestici e all’elettrocardiogramma, è necessario inviare al presidio piĂą vicino per effettuare una trombolisi ev, in quanto la possibilitĂ  di angioplastica richiederebbe piĂą di 2 h, e nell’immediata mezz’ora è necessario effettuare la trombolisi in un ambiente controllato e non in guardia medica.  Si tratta non a caso di un evidente STEMI anteriore. Infatti, il referto mostra: “Ritmo sinusale a FC di 100 bpm. Normale conduzione AV.  Sopraslivellamento del tratto ST in V2-5, AVL e I con sottoslivellamento speculare in inferiori. Anomalie aspecifiche del recupero.”
Rif. ECGFai225

Consegna il Compito!

Consegna il compito!


Tempo Rimasto 5 minuti!

Dottore, non aggiorni questa pagina prima del completamento della correzione.
Clicchi su "Consegna il Compito" per ottenere la correzione del compito.

consegna il compito