Simulazione FB NEW Casi 321-325 – Test Ammissione

Simulazione

Cliccando in alto a destra sul pulsante "+" e' possibile "Consegnare", "Salvare e Interrompere", "Salvare e Continuare" il compito.

1 di 5 Domande

Paziente di 62 anni si reca al PS per dispnea e palpitazioni. Anamnesi positiva per ipertensione arteriosa, TIA, displipidemia, endoarterectomia di carotide dx, attacchi di panico, fibrillazione atriale in trattamento (rate control) con digitalici e beta bloccanti. In base al tracciato ed notizie finora espresse, quale diagnosi e' quella vera?

product image

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo














La risposta corretta è la C.
Il paziente, in base ai reperti clinico anamnestici e all’elettrocardiogramma, presenta Tachicardia automatica giunzionale, come ci suggerisce l’assenza di P con intervalli RR regolari e complessi stretti, oltre che la storia di assunzione di digitale e possibili episodi di iperventilazione, dati dagli attacco di panico (entrambi possibili cause di questa condizione). Infatti, il referto mostra: “Tachicardia giunzionale a FC 150 bpm. Anomalie diffuse del recupero (T negative in infero-setto-laterali).”
Rif. ECGFai171

2 di 5 Domande

Uomo di 60 anni, ricoverato per riacutizzazione di scompenso in malattia di Ebstein. Il paziente ha edemi declivi, turgore delle giugulari, estremita' cianotiche. Osservando il tracciato, quale delle seguenti affermazioni e' vera?

product image

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo














La risposta corretta è la A.
Il paziente, in base ai reperti clinico anamnestici e all’elettrocardiogramma, presenta Fibrillazione atriale a FC media 80 bpm con BBdx sottostante. Abbiamo infatti RR irregolari senza onde P, inoltre il QRS è sempre slargato con aspetto qR, come da sovraccarico delle sezioni dx. In tal caso per la FC si è calcolato quanti QRS erano presenti in 30 quadrati grandi. Infatti, il referto mostra: “Aritmia da fibrillazione atriale a FC media  80 bpm. BBdx completo con QRS 130 ms, aspetto qR e T negative e simmetriche in V1-4, come da sovraccarico dx.”
Rif. ECGFai172

3 di 5 Domande

Paziente di 40 anni con dolore urente da 4-6 h al torace, irradiato al giugulo. Il paziente non mostra particolari alterazioni ad i parametri. Gli esami ematochimici sono nella norma, così come i biomarker di necrosi miocardica, che vengono riprogrammati tra un’ora. Unica nota e' la PCR di 10 mg/l. Qual e' la diagnosi piu' probabile, anche in base al tracciato?

product image

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo














La risposta corretta è la D.
Il paziente, in base ai reperti clinico anamnestici e all’elettrocardiogramma, presenta Pericardite, come dimostra l’insieme di sopraslivellamento diffuso del tratto ST con concavità superiore, sintomi e aumento di indici infiammatori. Infatti, il referto mostra: “Ritmo sinusale a FC 55 bpm. Normale conduzione AV. Sopraslivellamento del tratto ST diffuso con T elevate.”
Rif. ECGFai173

4 di 5 Domande

Uomo di 90 anni con sincopi frequenti, di cui l’ultima oggi con conseguente contusione cranica. Il polso del paziente e' irregolare ed anche i toni sono bradiaritmici. Quali delle seguenti affermazioni e' vera?

product image

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo














La risposta corretta è la D.
Il paziente, in base ai reperti clinico anamnestici e all’elettrocardiogramma, presenta Fibrillazione atriale, suscettibile di stimolazione ventricolare. Abbiamo infatti RR irregolari senza onde P, suscettibili di un impianto monocamerale che stimoli il ventricolo almeno, in quanto l’atrio è fibrillante, in modo tale che il ventricolo possa raggiungere una FC minima utile per l’adeguata perfusione cerebrale. Infatti, il referto mostra: “Aritmia da fibrillazione atriale a FC media  55 bpm. Anomalie aspecifiche del recupero.”
Rif. ECGFai174

5 di 5 Domande

Viene eseguito questo tracciato ad un clochard, arrivato al PS per senso insostenibile di costrizione toracica. Cosa si rende evidente?

product image

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo














La risposta corretta è la A.
Il paziente, in base ai reperti clinico anamnestici e all’elettrocardiogramma, presenta Wellens tipo A, in quando si rende evidente onda T difasica in V3-4, segno indiretto di occlusione della discendente anteriore prossimalmente. Infatti, il referto mostra: “Ritmo sinusale a FC  100 bpm. Anomalie dell’atriogramma come da ingrossamento atriale dx. Normale conduzione AV. Emiblocco anteriore sx. Segni di ipertrofia ventricolare sx. Onde T difasiche in V3-4, come da Wellens tipo A. Anomalie aspecifiche del recupero (T elevate simmetriche in laterali, T appiattita in III).”
Rif. ECGFai175

Consegna il Compito!

Consegna il compito!


Tempo Rimasto 5 minuti!

Dottore, non aggiorni questa pagina prima del completamento della correzione.
Clicchi su "Consegna il Compito" per ottenere la correzione del compito.

consegna il compito