Simulazione

Cliccando in alto a destra sul pulsante 2 è possibile "Consegnare", "Salvare e Interrompere", "Salvare e Continuare" il compito.

1 di 3 Domande

Scenario 24: In uno studio caso-controllo per comprendere l'eziologia del cancro dell'esofago, 870 casi e 902 controlli sono stati indagati per quanto concerne il consumo abituale di superalcolici. L'associazione tra la malattia e il fattore di rischio può essere quantificata calcolando:

product image













La risposta corretta è la B.
Uno studio caso-controllo è uno studio retrospettivo, che cioè parte dall’analisi dell’evento e provvede a raccogliere diverse informazioni utili dal passato.
In questo tipo di studi non si riesce a valutare la proporzione della popolazione che √® stata esposta al fattore di rischio e quindi se ha sviluppato o meno la malattia in esame: perci√≤ il rischio relativo e l'incidenza della malattia non possono essere calcolati. Tuttavia, il rapporto di probabilit√† fornisce una stima ragionevole del rischio relativo: si definisce odds ratio (OR) e si calcola come rapporto tra la probabilit√† che un individuo con una condizione specifica sia stato esposto a un fattore di rischio e la probabilit√† che un controllo sano sia stato esposto allo stesso fattore di rischio. Se il valore dell'OR √® uguale a 1 significa che il fattore di rischio √® ininfluente sulla comparsa della malattia, se OR> 1 il fattore di rischio pu√≤ essere implicato nella comparsa della malattia e se OR< 1 il fattore esaminato, considerato fattore di rischio, in realt√† √® un fattore protettivo nei confronti della malattia in esame.

Al contraio, il rischio relativo è la probabilità che un soggetto appartenente al gruppo degli esposti sviluppi la malattia, rispetto alla probabilità che la stessa malattia venga contratta da un soggetto appartenente al gruppo dei non esposti; si calcola dividendo l'incidenza degli individui esposti per l'incidenza degli individui non esposti.
Si utilizza come misurazione in studi in cui è nota la percentuale di pazienti esposti e non esposti a un rischio, come uno studio di coorte, cioè uno studio prospettico (risposta A errata). Invece, il rischio attribuibile è un indice di associazione usato negli studi prospettici che esprime il numero di casi di malattia che si possono attribuire all'esposizione ad un dato fattore di rischio, definendo, praticamente i casi eliminabili con la rimozione del fattore di rischio stesso (risposte C e D errata).

2 di 3 Domande

Scenario 24: In uno studio caso-controllo per comprendere l'eziologia del cancro dell'esofago, 870 casi e 902 controlli sono stati indagati per quanto concerne il consumo abituale di superalcolici. E' generalmente indicato tra i vantaggi degli studi caso-controllo:

product image













La risposta corretta è la A.
Gli studi caso-controllo sono studi retrospettivi con il pregio di essere rapidi, poco costosi e particolarmente adatti a studiare patologie rare ad eziologia sconosciuta, che consentono di confrontare pazienti malati (casi) con pazienti sani (controlli), tutti esposti ad uno stesso fattore di rischio.

3 di 3 Domande

Scenario II66E: Paziente di 45 anni esegue RM della colonna lombare per lombalgia da 2 mesi non responsiva ai farmaci anti-infiammatori. Nella RM si rileva una probabile metastasi ossea. Quale indagine √® la pi√Ļ appropriata per identificare la presenza di metastasi ossee?

product image













La risposta corretta è la E.
L‚Äôindagine pi√Ļ appropriata per identificare la presenza di metastasi ossee in un paziente oncologico e/o in caso di lesioni ossee sospette alla TC e/o RM √® la scintigrafia ossea, che evidenzia le lesioni sotto-forma di una marcata iper-captazione focale del tracciante (tecnezio marcato). Invece, le alterazioni ossee all‚Äôecografia non sono affatto apprezzabili (risposta B errata). Al contrario, alla TC le metastasi ossee possono apparire come tipiche aree osteolitiche (metastasi osteolitiche) a margini netti, senza reazione osteosclerotica e periostale circostante, oppure, come aree focali di osteosclerosi (metastasi osteoblastiche). Tuttavia, la scintigrafia ossea rispetto alla TC e alla RM ha una specificit√† e sensibilit√† maggiore per l‚Äôidentificazione di tali lesioni, soprattutto se di piccole dimensioni (risposte A, C e D errate).

Consegna il compito!


Tempo Rimasto 3 minuti!

Dottore, non aggiorni questa pagina prima del completamento della correzione.
Clicchi su "Consegna il Compito" per ottenere la correzione del compito.

consegna v3 il compito