Sign up with Email

Already have an account? Login


1 di 50 
"Cosa rappresenta il tracciato elettrocardiografico riportato nell'Allegato n. 2"

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) Una tachicardia sinusale.

B) Una tachicardia ventricolare.

C) Una fibrillazione atriale.

D) Nessuna delle risposte e' corretta.

E) Una fibrillazione ventricolare.

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la 'Una tachicardia ventricolare.'.

2 di 50 
"Nel processo di trasferimento delle informazioni (consegne), per quanto riguarda le raccomandazioni da trasferire, quale dei seguenti gruppi risulta piu' esaustivo nel garantire la sicurezza del paziente."

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) Presenza infezioni, diagnosi medica, frequenza monitoraggio cardiovascolare, livello di rischio caduta, risultati esami di laboratorio.

B) Diagnosi medica, frequenza monitoraggio cardiovascolare, presenza infezioni, livello di rischio lesioni, livello di rischio caduta.

C) Frequenza monitoraggio cardiovascolare, presenza infezioni, livello di rischio lesioni, livello di rischio caduta, rischio malnutrizione.

D) Alterazioni della comunicazione, presidi utilizzati, diagnosi medica, risultati esami di laboratorio, prenotazione esami diagnostici.

E) Presidi utilizzati, alterazioni della comunicazione, prenotazione esami diagnostici, necessita' di continuita' delle cure a domicilio.

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la 'Frequenza monitoraggio cardiovascolare, presenza infezioni, livello di rischio lesioni, livello di rischio caduta, rischio malnutrizione.'.

3 di 50 
"In casa di riposo viene riammesso un ospite che ha subito un intervento ortopedico a seguito di una caduta accidentale. La lettera di trasferimento prevede un regime terapeutico analgesico che viene validato dal medico della struttura. Nel garantire la corretta esecuzione del trattamento, quale delle seguenti affermazioni e' sicuramente errata."

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) E' importante somministrare la minor quantita' di farmaco possibile al fine di conservarne per quando il dolore sara' maggiore.

B) Il dolore post operatorio puo' essere attenuato in modo efficace.

C) E' importante rilevare il dolore del paziente ad intervalli prestabiliti utilizzando strumenti per l'oggettivazione dello stesso (Scala Numerica, Scala Visiva...).

D) I trattamenti non farmacologici (massaggi, caldo/freddo, rilassamento) possono ridurre efficacemente il dolore per brevi periodi di tempo.

E) E' meglio somministrare il farmaco analgesico ad intervalli regolari, prestabiliti da una scheda piuttosto che al bisogno.

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la 'E' importante somministrare la minor quantita' di farmaco possibile al fine di conservarne per quando il dolore sara' maggiore.'.

4 di 50 
"Un infermiere di chirurgia e' in dubbio se il prelievo capillare per stick glicemico puo' essere affidato all'Operatore Socio Sanitario. Quali, tra quelle riportate di seguito, sono le possibili fonti dove l'infermiere puo' trovare utile riferimento:"

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) DPR 1310/1940 e legge 42/99 art 6.

B) Nessuna risposta e' corretta.

C) Conferenza Stato Regioni seduta del 22 febbraio 2001.

D) DPR 225/74 Titolo V.

E) Conferenza Stato Regioni seduta del 16 gennaio 2003.

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la 'Conferenza Stato Regioni seduta del 22 febbraio 2001.'.

5 di 50 
"Stai sfogliando il manuale della qualita' del tuo reparto e leggi la seguente frase: "Riconoscimento pubblico del possesso dei requisiti previsti dagli standard nazionali/regionali per i potenziali erogatori di prestazioni sanitarie per conto del Servizio sanitario nazionale/regionale". Di che cosa si tratta:"

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) Accreditamento istituzionale.

B) Accreditamento JACHO.

C) Certificazione ISO 9000.

D) Accreditamento volontario.

E) Nessuna risposta e' corretta.

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la 'Accreditamento istituzionale.'.

6 di 50 
"Leggi attentamente l'affermazione riportata di seguito: "professionisti coordinatori in possesso del master di primo livello in management o per le funzioni di coordinamento rilasciato dall'universita' ai sensi dell'articolo 3, comma 8, del regolamento di cui al decreto del Ministro dell'universita' e della ricerca scientifica e tecnologica 3 novembre 1999, n. 509, e dell'articolo 3, comma 9, del regolamento di cui al decreto del Ministro dell'istruzione, dell'universita' e della ricerca 22 ottobre 2004, n. 270". Indica di che cosa si tratta"

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) Di un estratto del Codice Deontologico.

B) Di due commi del DM 739/94

C) Di un estratto della legge 42/2006.

D) Nessuna risposta e' corretta.

E) Di un estratto della legge 42/1999.

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la 'Di un estratto della legge 42/2006.'.

7 di 50 
"Un infermiere ti riferisce come lavora. Leggi attentamente la sua storia riportata di seguito: "Sono Infermiere della stroke unit e lavoro in questo modo: accolgo e accerto i bisogni dei pazienti affidati. Alle 7.00 inizio le terapie mentre l'OSS distribuisce la colazione ai 10 pazienti. Quindi, l'Oss assieme ad un suo collega, effettuano l'igiene dei pazienti mentre io procedo con il giro visita del medico." Identifica il modello organizzativo prevalente che l'infermiere adotta nella sua pratica:"

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) Per progetto a breve scadenza.

B) Per Primary nurse.

C) Per case management.

D) Per funzioni.

E) Per team leader.

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la 'Per funzioni.'.

8 di 50 
"Quale tra le seguenti condizioni espone maggiormente un paziente allo sviluppo di Lesioni da Decubito. Nota: BMI (Body Mass Index)"

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) BMI 26, anemia, immobilita', incontinenza.

B) BMI 25, immobilita', incontinenza.

C) BMI 19, immobilita', diarrea, incontinenza.

D) BMI 15, disidratazione, incontinenza, immobilita'.

E) BMI 22, immobilita', stipsi.

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la 'BMI 15, disidratazione, incontinenza, immobilita'.'.

9 di 50 
"Quale delle seguenti preparazioni farmacologiche non appartiene alla categoria delle soluzioni di elettroliti concentrati."

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) Fosfato di potassio (K3PO4) 1 mEq/ml.

B) Fosfato di potassio (K3PO4) 2 mEq/ml.

C) Cloruro di sodio (NaCl) 0.9 %.

D) Cloruro di sodio (NaCl) 2 mEq/ml.

E) Cloruro di potassio (KCl) 2 mEq/ml.

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la 'Cloruro di sodio (NaCl) 0.9 %.'.

10 di 50 
"Cosa si intende per guarigione per seconda intenzione delle ferite."

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) Interessa prevalentemente le ferite da ustione ed esita in una cicatrice minima.

B) E' una caratteristica che puo' interessare le ferite lacero contuse e raramente si complica in processi infettivi.

C) Il processo di guarigione comincera' dal fondo della ferita con un tessuto di granulazione che procedera' risalendo verso l'alto fino a raggiungere lentamente la superficie.

D) Lo spazio tra i lembi della cute e' virtuale e viene occupato dal tessuto cicatriziale. E' una modalita' molto lenta e richiede medicazioni continue.

E) E' un processo tipico delle ferite chirurgiche, molto lento e suscettibile di infezioni.

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la 'Il processo di guarigione comincera' dal fondo della ferita con un tessuto di granulazione che procedera' risalendo verso l'alto fino a raggiungere lentamente la superficie.'.

11 di 50 
"In un paziente non cosciente se le vie aeree sembrano ostruite dopo il primo tentativo di ventilazione, il soccorritore deve:"

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) Nessuna risposta e' corretta.

B) Riposizionare il capo e provare a ventilare.

C) Proseguire nella sequenza con la ventilazione.

D) Posizionare il paziente in posizione laterale.

E) Iniziare le compressioni toraciche.

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la 'Riposizionare il capo e provare a ventilare.'.

12 di 50 
"Quando si pianifica una sessione di educazione ad un paziente vi sono diversi fattori da considerare. La paziente ha 65 anni e verra' dimessa con ileostomia, il decorso post-intervento e' nella norma. Quale delle seguenti situazioni giudichi maggiormente appropriata."

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) L'assistita e' sveglia da 2 ore, sono le 17.00, e' in poltrona da 10 minuti. Informo che la durata della sessione e' di 20 minuti, la dimissione e' programmata tra 2 giorni, e' presente il marito.

B) L'assistita e' sveglia da 15 minuti, sono le 17.00, verra' messa in poltrona. Informo che la durata della sessione e' di 50 minuti, la dimissione e' programmata tra 2 ore, e' presente il marito.

C) L'assistita e' sveglia da 2 ore, sono le 17.00, e' in poltrona da 10 minuti. Informo che la durata della sessione e' di 20 minuti, la dimissione e' programmata tra 2 giorni, il familiare si e' dovuto assentare.

D) L'assistita e' sveglia da 2 ore, sono le 17.00, e' in poltrona da 60 minuti. Informo che la durata della sessione e' di 40 minuti, la dimissione e' programmata tra 2 giorni, e' presente il marito.

E) L'assistita e' sveglia da 2 ore, sono le 17.00, e' in poltrona da 10 minuti. Informo che la durata della sessione e' di 20 minuti, e' stata informata che dovra' fare una TAC di controllo tra 40 minuti. La dimissione e' programmata tra 2 giorni, sono presenti il marito e la figlia.

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la 'L'assistita e' sveglia da 2 ore, sono le 17.00, e' in poltrona da 10 minuti. Informo che la durata della sessione e' di 20 minuti, la dimissione e' programmata tra 2 giorni, e' presente il marito.'.

13 di 50 
"Il Piano Sanitario Nazionale ha durata:"

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) Biennale.

B) Quinquennale.

C) Triennale.

D) Quadriennale.

E) Annuale.

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la 'Triennale.'.

14 di 50 
"Qual e' di norma il primo segno di disidratazione nel paziente anziano"

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) Secchezza della bocca.

B) Affaticamento.

C) Mal di testa.

D) Crampi muscolari.

E) Secchezza delle mucose comprese quelle dell'occhio.

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la 'Secchezza della bocca.'.

15 di 50 
"All'interno della documentazione in uso nel reparto trovi la griglia riportata nell'Allegato n. 1. Si tratta di:"

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) La valutazione di un problema di rischio secondo una specifica classificazione.

B) Nessuna risposta e' corretta.

C) La valutazione di un risultato dell'assistenza infermieristica secondo una specifica classificazione.

D) La lista degli standard per l'assistenza al paziente con incontinenza intestinale.

E) Una scheda per il monitoraggio giornaliero delle attivita' assistenziali di un determinato problema/bisogno.

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la 'La valutazione di un risultato dell'assistenza infermieristica secondo una specifica classificazione.'.

16 di 50 
"Indica quale delle seguenti descrizioni e' la piu' completa e corretta nel definire le caratteristiche della Lesione da Decubito (LdD) di 3° stadio."

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) Sede: sacrale. Dimensioni: 20 mm x 35 mm. Fondo: flittene. Essudato: abbondante. Bordo lineare. Cute circostante macerata. Fistole: assenti. Segni di infezione: assente. Lesione non maleodorante. Ferita a tutto spessore che implica danno o necrosi del tessuto sottocutaneo che puo' estendersi fino alla fascia muscolare senza attraversarla; la lesione si presenta clinicamente come una profonda cavita' che puo' presentare dei tratti sotto minati.

B) Sede: sacrale. Dimensioni: 20 mm x 35 mm. Fondo: granulazione. Essudato: scarso. Bordo arrossato. Cute circostante macerata. Fistole: assenti. Segni di infezione: assente. Lesione non maleodorante. Ferita a tutto spessore che implica danno o necrosi del tessuto sottocutaneo che puo' estendersi fino alla fascia muscolare senza attraversarla; la lesione si presenta clinicamente come una profonda cavita' che puo' presentare dei tratti sotto minati.

C) Sede: sacrale. Dimensioni: 20 mm x 35 mm. Fondo: granulazione. Essudato: scarso. Bordo arrossato. Cute circostante macerata. Fistole: assenti. Segni di infezione: assente. Lesione non maleodorante. Ferita a tutto spessore con estesa distruzione dei tessuti, necrosi o danno ai muscoli, ossa o strutture di supporto.

D) Sede: trocantere sinistro. Dimensioni: 20 mm x 35 mm. Fondo: granulazione. Essudato: assente. Bordo arrossato. Cute circostante integra. Fistole: assenti. Segni di infezione: assente. Lesione non maleodorante. Ferita a spessore parziale che coinvolge l'epidermide e/o il derma (abrasione, vescicola o cratere).

E) Sede: sacrale. Dimensioni: 2 mm x 3,5 mm. Fondo: granulazione. Essudato: scarso. Bordo arrossato. Cute circostante macerata. Fistole: assenti. Segni di infezione: assente. Lesione non maleodorante. Ferita a tutto spessore che implica danno o necrosi del tessuto sottocutaneo che puo' estendersi fino alla fascia muscolare senza attraversarla; la lesione si presenta clinicamente come una profonda cavita' che puo' presentare dei tratti sotto minati.

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la 'Sede: sacrale. Dimensioni: 20 mm x 35 mm. Fondo: granulazione. Essudato: scarso. Bordo arrossato. Cute circostante macerata. Fistole: assenti. Segni di infezione: assente. Lesione non maleodorante. Ferita a tutto spessore che implica danno o necrosi del tessuto sottocutaneo che puo' estendersi fino alla fascia muscolare senza attraversarla; la lesione si presenta clinicamente come una profonda cavita' che puo' presentare dei tratti sotto minati.'.

17 di 50 
"Nella fase di accertamento infermieristico al paziente che all'atto del ricovero o della presa in carico e' valutato come potenzialmente disfagico, si applica lo screening della deglutizione. Per la valutazione della deglutizione si somministrano piccole quantita' di acqua gel. In seguito, si riscontra nel paziente l'alterazione della qualita' della voce e la comparsa di tosse. Quale dei seguenti interventi risulta piu' adeguato."

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) Eseguo un ulteriore test di deglutizione con piccole quantita' di acqua di rubinetto.

B) Non somministro nulla per bocca e richiedo il consulto del medico per considerare il supporto nutrizionale artificiale.

C) Allerto la Rianimazione e contatto i familiari del paziente.

D) Attendo che il sintomo passi e ripeto la valutazione della deglutizione.

E) Metto il paziente in posizione di sicurezza e avviso tempestivamente il servizio di Rianimazione.

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la 'Non somministro nulla per bocca e richiedo il consulto del medico per considerare il supporto nutrizionale artificiale.'.

18 di 50 
"Se utilizzo l'operatore booleano OR nel seguente modo "lesione OR ferita" ottengo:"

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) Una lista di pagine che contengono la parola ferita e non la parola lesione.

B) Una lista di pagine che contengono la parola lesione o la parola ferita o entrambe.

C) Una lista di pagine che contengono la parola lesione e non la parola ferita.

D) Una lista di pagine che contengono entrambe le parole.

E) Nessuna delle risposte e' corretta

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la 'Una lista di pagine che contengono la parola lesione o la parola ferita o entrambe.'.

19 di 50 
"In presenza di persona con ipoglicemia grave con perdita di conoscenza, quale dei seguenti farmaci prepari perché con ogni probabilita' verra' prescritto."

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) Atropina per via sottocutanea.

B) Furosemide per via endovenosa.

C) Adrenalina per via endovenosa.

D) Insulina rapida per via sottocutanea.

E) Glucagone per via intramuscolare.

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la 'Glucagone per via intramuscolare.'.

20 di 50 
"Nell'ambito di misure di valutazione della qualita', il confronto tra gli obiettivi prestabiliti e i risultati effettivamente raggiunti esprime:"

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) L'appropriatezza.

B) L'efficacia.

C) La sicurezza.

D) L'efficienza.

E) L'economicita'.

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la 'L'efficacia.'.

21 di 50 
"La formulazione completa della diagnosi infermieristica comprende"

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) Il titolo diagnostico, la diagnosi medica e i dati delle indagini strumentali.

B) Il titolo diagnostico, il fattore correlato ed i sintomi soggettivi.

C) Il problema di salute percepito dal paziente, la causa ed i sintomi.

D) Nessuna delle risposte e' corretta.

E) Il titolo diagnostico, il fattore correlato e le caratteristiche definenti.

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la 'Il titolo diagnostico, il fattore correlato e le caratteristiche definenti.'.

22 di 50 
"Leggi attentamente la situazione assistenziale riportata di seguito "Il paziente ha una dipendenza totale nelle Activities of Daily Living (ADL); i parametri vitali sono buoni. E' in fase di dimissione e presso il suo domicilio e' previsto il mantenimento dell'ossigeno terapia con occhialini (e bombola)" In base ai dati che disponi"

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) L'igiene a letto puo' essere attribuita all'OSS.

B) L'igiene a letto deve essere effettuata da due infermieri.

C) L'igiene a letto deve essere effettuata dall'infermiere.

D) Nessuna affermazione e' corretta.

E) L'igiene a letto deve essere effettuata da un infermiere ed un OSS.

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la 'L'igiene a letto puo' essere attribuita all'OSS.'.

23 di 50 
"Quale norma, tra quelle indicate di seguito, attribuisce valore giuridico al Codice Deontologico"

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) Nessuna risposta e' corretta.

B) Legge 42/99.

C) Contratto Collettivo Nazionale del lavoro.

D) Legge 1/2002.

E) DPR 255/74.

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la 'Legge 42/99.'.

24 di 50 
"Indica i segni e sintomi piu' corretti da valutare nella fase di accertamento in un paziente affetto da cirrosi epatica scompensata."

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) Valutazione aspetto cognitivo (orientamento temporo-spaziale, difficolta' di concentrazione); presenza di edemi declivi; ascite; valutazione stato nutrizionale e idratazione; stato della cute (ittero, poliangectasie); livello di compromissione sistema nervoso (tremori).

B) Valutazione dei parametri vitali (pressione, frequenza); presenza di edemi declivi; ascite; presenza di emorragia (ematemesi/melena); stato della cute (ittero, poliangectasie); livello di compromissione sistema nervoso (tremori).

C) Valutazione aspetto cognitivo (orientamento temporo-spaziale, difficolta' di concentrazione); presenza di edemi declivi, ascite; presenza di emorragia (ematemesi/melena); stato cute (ittero, poliangectasie); livello di compromissione sistema nervoso (tremori).

D) Valutazione aspetto cognitivo (orientamento temporo-spaziale, difficolta' di concentrazione); presenza di edemi declivi; ascite; presenza di emorragia (ematemesi/melena); presenza rischio lesioni da decubito; livello di compromissione sistema nervoso (tremori).

E) Valutazione aspetto cognitivo (orientamento temporo-spaziale, difficolta' di concentrazione); pressione venosa centrale, ascite; presenza di emorragia (ematemesi/melena); stato cute (ittero, poliangectasie); livello di compromissione sistema nervoso (tremori).

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la 'Valutazione aspetto cognitivo (orientamento temporo-spaziale, difficolta' di concentrazione); presenza di edemi declivi, ascite; presenza di emorragia (ematemesi/melena); stato cute (ittero, poliangectasie); livello di compromissione sistema nervoso (tremori).'.

25 di 50 
"La segnalazione degli eventi avversi (Incident Reporting) prevede l'indicazione dei fattori che possono aver contribuito all'evento. Quale gruppo di fattori e' il piu' corretto."

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) Mancata adesione del paziente al progetto terapeutico, variazione improvvisa dei parametri vitali del paziente, attrezzature eccessivamente sofisticate.

B) Mancata adesione del paziente al progetto terapeutico, inadeguate conoscenze del personale, inadeguato funzionamento attrezzature.

C) Barriere linguistiche del paziente, gruppo multidisciplinare, attrezzature eccessivamente sofisticate.

D) Complessita' della terapia, personale non qualificato, inadeguato funzionamento attrezzature.

E) Paziente eccessivamente complesso, regime terapeutico inadeguato, insufficiente addestramento.

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la 'Mancata adesione del paziente al progetto terapeutico, inadeguate conoscenze del personale, inadeguato funzionamento attrezzature.'.

26 di 50 
"Viene ricoverato dal pronto soccorso un paziente con questo inquadramento clinico: paziente maschio di 18 anni, presente sudorazione, tremore, palpitazioni, debolezza generale, glicemia 65 mg/dl, riferisce nelle ultime due settimane polidipsia e poliuria, aumento dell'appetito e perdita di peso > 20% negli ultimi 2 mesi. Quale potrebbe essere il sospetto diagnostico"

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) Diabete tipo II.

B) Probabilmente e' affaticato da un'intensa attivita' fisica.

C) Diabete tipo I.

D) Diabete tipo I e II.

E) Diabete insipido.

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la 'Diabete tipo I.'.

27 di 50 
"Quale tra questi non e' un parametro incluso nella Glasgow Coma Scale"

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) Risposta motoria.

B) Risposta verbale.

C) Apertura occhi.

D) Tutti i parametri sono inclusi nella Glasgow Coma Scale (G.C.S).

E) Termoregolazione.

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la 'Termoregolazione.'.

28 di 50 
"Sei un infermiere di una struttura residenziale. Insieme al gruppo infermieristico, vuoi progettare uno strumento di monitoraggio della disidratazione negli anziani da attivare nel periodo estivo. Vuoi individuare in letteratura i segni/sintomi maggiormente predittivi di disidratazione. Quale tra i seguenti quesiti riflette correttamente la metodologia PICO/PIO per ricercare la letteratura su MedLine?"

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) Nella popolazione anziana istituzionalizzata, quali sono i segni/sintomi predittivi di disidratazione?

B) E' piu' efficace la somministrazione di infusioni per via intradermica o per via endovenosa nella prevenzione della disidratazione degli anziani?

C) In casa di riposo, quali strumenti sono piu' efficaci per il monitoraggio della disidratazione?

D) E' piu' a rischio di disidratazione la popolazione anziana istituzionalizzata o quella gestita a domicilio da un infermiere di comunita'?

E) Quale deve essere la frequenza del monitoraggio ematochimico degli anziani a rischio di disidratazione?

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la 'Nella popolazione anziana istituzionalizzata, quali sono i segni/sintomi predittivi di disidratazione?'.

29 di 50 
"Una signora affetta da neoplasia mammaria in stadio avanzato trattata con polichemioterapia giunge nel dipartimento oncologico per la sua prima seduta di radioterapia. Mentre la prepari per la terapia, la signora afferma "sono cosi' scoraggiata ." e inizia a piangere. Quale frase tra le seguenti contiene una tecnica della relazione di aiuto:"

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) "Ora inizia la radioterapia e tutto volgera' per il meglio, ne sono certa.. ".

B) E' difficile affrontare la diagnosi e il trattamento..".

C) "Possiamo parlarne piu' tardi..?".

D) "Con il tempo tutto si sistemera'..".

E) "Signora la lascio sola un attimo, torno quando sta meglio.. ".

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la 'E' difficile affrontare la diagnosi e il trattamento..".'.

30 di 50 
"Lavori da 3 anni in urologia, rimuovi il catetere ad un paziente, e' rimasto in sede 10 giorni, gli fornisci un pappagallo chiedendogli di farti sapere quando urina. Dopo 6 ore ha urinato 100 ml e le urine sono giallo chiaro."

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) Il volume e' sufficiente, registri il dato in grafica.

B) Non e' un volume sufficiente, avvisi una collega esperta.

C) Il volume e' sufficiente, prosegui la terapia con diuretico prescritto e registri il dato in grafica.

D) Non e' un volume sufficiente, potrebbe avere una ritenzione d'urina. Attraverso una cateterizzazione intermittente si puo' valutare il volume residuo.

E) Non e' un volume sufficiente, somministri un diuretico al bisogno.

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la 'Non e' un volume sufficiente, potrebbe avere una ritenzione d'urina. Attraverso una cateterizzazione intermittente si puo' valutare il volume residuo.'.

31 di 50 
"Ti trovi al domicilio di un paziente preso in carico dall'assistenza distrettuale e devi infondere una fleboclisi di 500 ml alla velocita' di 30 ml/ora. Non hai una pompa infusionale ma possiedi un deflussore con tali caratteristiche: 20 gocce = 1 ml. Quante gocce/minuto regoli il deflussore:"

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) 6 gtt/min.

B) 30 gtt/min.

C) 3 gtt/min.

D) 10 gtt/min.

E) 12 gtt/min.

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la '10 gtt/min.'.

32 di 50 
"Una paziente seguita a domicilio ha in corso una terapia continuativa con dei corticosteroidei somministrati per via inalatoria. Qual e' un possibile effetto collaterale della terapia assunta"

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) Cefalea.

B) Nausea.

C) Anoressia.

D) Candidosi orale.

E) Vomito.

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la 'Candidosi orale.'.

33 di 50 
"Se "ipotizziamo che la percezione del dolore varia al variare del livello di ansia" possiamo definire:"

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) Il dolore come variabile dipendente e l'ansia come variabile indipendente.

B) Nessuna definizione e' corretta.

C) Il dolore e l'ansia sono entrambe variabili indipendenti.

D) Il dolore come variabile indipendente e l'ansia come variabile dipendente.

E) Il dolore e l'ansia sono entrambe variabili dipendenti.

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la 'Il dolore come variabile dipendente e l'ansia come variabile indipendente.'.

34 di 50 
"Sei un infermiere della medicina e gestisci un gruppo di 8 pazienti. Stai predisponendo il necessario per la somministrazione della terapia infusionale e ti accorgi che hai a disposizione diversi dispositivi per la somministrazione della terapia iniettiva, ma una sola pompa d'infusione. Per quale, tra le seguenti soluzioni che devi avviare, impiegheresti la pompa volumetrica?"

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) Furosemide 200 mg in 500 ml soluzione fisiologica in 24 h da Catetere Venoso Periferico.

B) Dobutamina 250 mg in 250 ml soluzione fisiologica da Catetere Venoso Periferico.

C) Glucosio 10% 500 ml in 12 h da Catetere Venoso Centrale.

D) Glucosio 5% 500 ml in 24 h da Catetere Venoso Periferico.

E) Mannitolo 18% 100 ml in 15 minuti da Catetere Venoso Centrale.

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la 'Dobutamina 250 mg in 250 ml soluzione fisiologica da Catetere Venoso Periferico.'.

35 di 50 
"Ti trovi in una degenza medica. Identifica quale dei seguenti gruppi di interventi descrive la corretta sequenza degli interventi assistenziali da garantire ad un paziente con i sintomi di angina pectoris. Il paziente e' un maschio di 50 anni, ricoverato per accertamenti a causa del diabete scompensato. Il dolore retro sternale e' insorto da circa 5 minuti dopo il pranzo. I sintomi sono: nausea, sudorazione, dispnea, ansia/paura, variazione parametri vitali (tachicardia 110, ipertensione 160/110)."

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) Valutare e documentare il dolore, effettuare ECG a 12 derivazioni immediato e farlo leggere prontamente al medico/cardiologo, monitorare i parametri vitali, garantire un accesso venoso sicuro, sorveglianza del paziente, paziente tenuto a riposo in posizione semiseduta, informare su cio' che si fara' e tranquillizzare il paziente e i familiari, somministrare terapia d'urgenza e di mantenimento prescritta.

B) Effettuare ECG a 12 derivazioni immediato e farlo leggere prontamente al medico/cardiologo, monitorare i parametri vitali, somministrare la terapia d'urgenza prescritta, valutare e documentare il dolore, sorvegliare il paziente, informare e tranquillizzare il paziente e i familiari, garantire un accesso venoso sicuro, tenere il paziente a riposo in posizione semiseduta.

C) Tenere il paziente a riposo in posizione semiseduta, informare e tranquillizzare il paziente, garantire un accesso venoso sicuro, effettuare ECG a 12 derivazioni immediato e farlo leggere prontamente al medico/cardiologo, monitorare i parametri vitali, somministrare la terapia d'urgenza prescritta, valutare e documentare il dolore, sorvegliare il paziente, informare e tranquillizzare i familiari

D) Tenere il paziente a riposo in posizione semiseduta, informare e tranquillizzare il paziente, avvisare prontamente il medico/cardiologo, monitorare i parametri vitali, somministrare la terapia d'urgenza prescritta, valutare e documentare il dolore, sorvegliare il paziente, informare e tranquillizzare i familiari.

E) Informare e tranquillizzare il paziente e i familiari, garantire un accesso venoso sicuro, effettuare ECG a 12 derivazioni immediato e farlo leggere prontamente al medico/cardiologo, monitorare i parametri vitali, somministrare la terapia d'urgenza prescritta, valutare e documentare il dolore, tenere il paziente a riposo in posizione semiseduta.

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la 'Tenere il paziente a riposo in posizione semiseduta, informare e tranquillizzare il paziente, garantire un accesso venoso sicuro, effettuare ECG a 12 derivazioni immediato e farlo leggere prontamente al medico/cardiologo, monitorare i parametri vitali, somministrare la terapia d'urgenza prescritta, valutare e documentare il dolore, sorvegliare il paziente, informare e tranquillizzare i familiari'.

36 di 50 
"Devi esprimere l'incidenza delle Lesioni da Decubito (LdD) ospedaliere. Quale delle seguenti e' la formula corretta."

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) Nessuna risposta e' corretta.

B) Numero di pazienti con LdD acquisita in ospedale / totale pazienti presenti.

C) Numero di nuove LdD / totale pazienti presenti.

D) Numero di nuove LdD / totale giornate di degenza x 1000.

E) Numero di nuove LdD / totale pazienti presenti x 100.

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la 'Numero di nuove LdD / totale giornate di degenza x 1000.'.

37 di 50 
"Ti avvicini ad una infermiera che sta realizzando un accertamento con lo strumento riportato nell'Allegato n. 3. Quale scala e/o indice sta utilizzando la collega"

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) Conley.

B) Braden.

C) Waterloo.

D) Nessuna risposta e' corretta.

E) Norton.

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la 'Conley.'.

38 di 50 
"Quale tra quelle indicate non e' una raccomandazione di buona pratica per la corretta gestione del drenaggio chirurgico"

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) Controllare periodicamente la posizione delle varie clamp e valvole.

B) Controllare che la modalita' di drenaggio (aspirazione continua o a caduta) corrisponda alle indicazioni del chirurgo e alla tipologia di intervento.

C) Mantenere il circuito chiuso per tutto il periodo di permanenza del dispositivo.

D) Sono tutte raccomandazioni di buona pratica assistenziale.

E) In presenza di cambiamento quali/quantitativo del drenato rispetto agli standard per tipologia d'intervento informare il chirurgo che valutera' la manovra piu' opportuna da effettuarsi.

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la 'Sono tutte raccomandazioni di buona pratica assistenziale.'.

39 di 50 
"Devi monitorare il Body Mass Index (BMI). Quale delle seguenti formule e' quella corretta"

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) Peso x altezza.

B) Nessuna risposta e' corretta.

C) (peso x 2): altezza.

D) Peso : altezza.

E) (peso : altezza) x 2.

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la 'Nessuna risposta e' corretta.'.

40 di 50 
"Se ci riferiamo ad una delle piu' conosciute classificazioni, il tempo di risposta dell'operatore ai sistemi di chiamata degli assistiti e' un esempio di indicatore:"

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) Di struttura.

B) Di esito.

C) Di processo.

D) Non e' un indicatore.

E) Di case mix.

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la 'Di processo.'.

41 di 50 
"Il protocollo per la somministrazione di eparina prevede l'infusione di una soluzione con concentrazione pari a 50.000 Unita' / 50 ml. Se la velocita' di infusione della soluzione e' di 2 ml/ora, quante unita' di eparina sono state somministrate dopo 10 ore."

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) 10.000 U.

B) 20.000 U.

C) 100.000 U.

D) 5.000 U.

E) 50.000 U.

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la '20.000 U.'.

42 di 50 
"Nel tracciato elettrocardiografico riportato nell'Allegato n. 4 l'onda P rappresenta:"

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) La ripolarizzazine ventricolare.

B) Il tempo di conduzione all'interno del nodo atriale.

C) La depolarizzazine del miocardio ventricolare.

D) Nessuna risposta e' corretta.

E) La depolarizzazione del miocardio atriale.

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la 'La depolarizzazione del miocardio atriale.'.

43 di 50 
"Analizza l'affermazione riportata di seguito "La signora Pascoli deambulera' autonomamente entro 3 giorni successivi all'intervento di resezione gastrica" Si tratta di"

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) Un obiettivo specifico scritto dagli infermieri nel piano personalizzato della signora Pascoli.

B) Un obiettivo definito per tutti i pazienti operati di resezione gastrica alla terza giornata post operatoria.

C) Un intervento incluso nel piano di assistenza personalizzato della signora Pascoli.

D) Un problema collaborativo individuato per la Signora Pascoli e che richiede l'intervento del fisioterapista.

E) Nessuna risposta e' corretta.

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la 'Un obiettivo specifico scritto dagli infermieri nel piano personalizzato della signora Pascoli.'.

44 di 50 
"Quale tra questi processi costituisce la causa di danno piu' frequente nei pazienti ospedalizzati"

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) Terapie farmacologiche.

B) Inserimento e gestione devices.

C) Procedure ostetriche e ginecologiche

D) Interventi chirurgici.

E) Procedure mini-invasive.

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la 'Terapie farmacologiche.'.

45 di 50 
"Durante la sorveglianza notturna in una residenza per anziani non autosufficienti, riscontri la caduta di un paziente, quali sono le fasi cronologicamente piu' corrette per la gestione dell'evento."

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) Allertare il medico, avvisare i familiari, documentare l'evento in cartella clinica, documentare con scheda incident reporting, soccorrere il paziente.

B) Soccorrere al paziente, documentare con scheda incident reporting, allertare il medico, avvisare i familiari, documentare l'evento in cartella clinica.

C) Soccorrere il paziente, documentare l'evento in cartella clinica, documentare con scheda incident reporting, allertare il medico, avvisare i familiari.

D) Allertare il medico, soccorrere il paziente, avvisare i familiari, documentare l'evento in cartella clinica, documentare con scheda incident reporting.

E) Soccorrere il paziente, allertare il medico, avvisare i familiari, documentare l'evento in cartella clinica, documentare con scheda incident reporting.

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la 'Soccorrere il paziente, allertare il medico, avvisare i familiari, documentare l'evento in cartella clinica, documentare con scheda incident reporting.'.

46 di 50 
"Quali tra i seguenti segni e sintomi sono altamente predittivi in un episodio di ematemesi"

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) Sputo rosso vivo e schiumoso con bolle d'aria, pallore, ipotensione.

B) Pallore, ipotensione, sangue color rosso scuro che fuoriesce dalla bocca.

C) Pallore, ipotensione, tachicardia, espettorazione di sangue rosso e schiumoso.

D) Pallore, ipotensione, tachicardia, dolore addominale, tosse con sangue rosso vivo e schiumoso.

E) Pallore, ipotensione, tachicardia, fame d'aria, tosse con sangue rosso vivo e schiumoso.

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la 'Pallore, ipotensione, sangue color rosso scuro che fuoriesce dalla bocca.'.

47 di 50 
"Nella farmacia e nelle strutture autorizzate, le soluzioni elettrolitiche concentrate per uso endovenoso devono essere conservate separate da altri farmaci, in armadi ove possibile chiusi ed in contenitori separati. Quale dei seguenti farmaci va conservato in contenitori con contrassegno: "diluire prima della somministrazione, mortale se infuso non diluito"."

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) Fosfato di potassio (K3PO4) 2 mEq/ml fiale da 10 ml

B) Cloruro di sodio (NaCl) 0.9 %.

C) Cloruro di potassio (KCl) < 1 mEq/ml.

D) Fosfato di potassio (K3PO4) < 1 mEq/ml.

E) Potassio cloruro (KCl) < 1 mEq/ml fiale da 10 ml.

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la 'Fosfato di potassio (K3PO4) 2 mEq/ml fiale da 10 ml'.

48 di 50 
"Leggi la griglia riportata nell'Allegato n. 5. Si tratta di"

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) Un test per verificare l'apprendimento.

B) Una procedura assistenziale

C) Uno strumento per osservare le abilita' tecniche di un paziente.

D) Uno strumento per valutare le competenze di un operatore socio sanitario in addestramento.

E) Nessuna risposta e' corretta.

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la 'Uno strumento per osservare le abilita' tecniche di un paziente.'.

49 di 50 
"Quale tra le seguenti condizioni espone maggiormente un paziente allo sviluppo di Lesioni da Decubito. Nota: BMI = Body Mass Index"

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) BMI 19, immobilita', diarrea, incontinenza.

B) BMI 26, anemia, immobilita', incontinenza.

C) BMI 22, immobilita', stipsi.

D) BMI 14, disidratazione, incontinenza, immobilita'.

E) BMI 25, immobilita', incontinenza.

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la 'BMI 14, disidratazione, incontinenza, immobilita'.'.

50 di 50 
"Quali, tra quelli indicati, sono i segni e i sintomi che potrebbero insorgere in caso di reazione da emotrasfusione?"

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) Brivido, febbre, tachicardia, cefalea, dispnea, severa crisi respiratoria, ipotensione, collasso cardiovascolare, sindrome compartimentale, poliuria.

B) Brivido, febbre, bradicardia, tachipnea, severa crisi respiratoria, ipotensione, collasso cardiovascolare, dolore oppressivo al torace, stranguria, orticaria.

C) Sudorazione, ipotermia, tachicardia, cefalea, dispnea, emottisi, ipertensione, dolore oppressivo al torace, vomito, diarrea, orticaria.

D) Brivido, ipotermia, bradicardia, cefalea, dispnea, tosse produttiva con escreato ematico, ipertensione, dolore oppressivo al torace, vomito, confusione mentale.

E) Brivido, febbre, tachicardia, cefalea, dispnea, severa crisi respiratoria, ipotensione, collasso cardiovascolare, dolore oppressivo al torace, vomito, diarrea, orticaria

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la 'Brivido, febbre, tachicardia, cefalea, dispnea, severa crisi respiratoria, ipotensione, collasso cardiovascolare, dolore oppressivo al torace, vomito, diarrea, orticaria'.

background