Simulazioni MG 004 Domanda 088-090 – Test Ammissione

Simulazione

Cliccando in alto a destra sul pulsante "+" e' possibile "Consegnare", "Salvare e Interrompere", "Salvare e Continuare" il compito.

1 di 3 Domande

Cosa si intende per propriocezione?

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo














La risposta corretta è la D.
Per propriocezione si intende la percezione della posizione del corpo nello spazio. Tale capacità è resa possibile grazie alla presenza di specifici recettori, detti propriocettori, sensibili alle variazioni delle posture del corpo e dei segmenti corporei, che inviano i propri segnali a particolari aree del cervello. I propriocettori si distinguono in fusi neuromuscolari, apparati tendinei del Golgi, recettori capsulari e recettori cutanei. La propriocezione, pertanto, è quel meccanismo neurofisiologico che svolge un ruolo essenziale nel controllo della stazione eretta e del movimento.

Rif. oqee4hmt

2 di 3 Domande

Nel mondo occidentale, qual è il fattore di rischio che maggiormente incide nella genesi della broncopneumopatia cronica ostruttiva?

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo














La risposta corretta è la A.
Nel mondo occidentale, il fattore di rischio che maggiormente incide nella genesi della broncopneumopatia cronica ostruttiva è rappresentato dal fumo di sigaretta.

Rif. 6nppo607

3 di 3 Domande

Quale fra i seguenti farmaci influisce sul metabolismo dello iodio e conseguentemente può modificare la funzione tiroidea?

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo















La risposta corretta è la A.
L’Amiodarone è un farmaco che interagisce con l’enzima 5’-desiodasi (5’-D) di tipo I e di tipo II (due enzimi coinvolti nel metabolismo tiroideo), riducendone l’attività.
Le 5’-D di tipo I e di tipo II sono due enzimi responsabili della rimozione dell’atomo di iodio in posizione 5’ nella molecola di tiroxina (T4), passaggio determinante per la conversione di T4 in T3, e rispettivamente agiscono nei tessuti periferici e nel fegato (tipo I) e nell’ipofisi (tipo II).
In aggiunta all’inibizione enzimatica, l’Amiodarone impedisce l’ingresso di T4 nei tessuti periferici. Gli effetti descritti determinano un aumento della concentrazione plasmatica di T4 e una riduzione di quella di T3, cui consegue un mancato effetto degli ormoni tiroidei a valle e un aumento di TSH a monte per mancato effetto feedback negativo sulla sua sintesi. Infine, l’Amiodarone ha anche un effetto citotossico sulla tiroide che sembra essere causato dallo iodio contenuto nella molecola del farmaco, che può indurre l’apoptosi delle cellule tiroidee.

Rif. vc4a76fg

Consegna il Compito!

Consegna il compito!


Tempo Rimasto 3 minuti!

Dottore, non aggiorni questa pagina prima del completamento della correzione.
Clicchi su "Consegna il Compito" per ottenere la correzione del compito.

consegna il compito