Panoramica


INTRODUZIONE

I disordini elettrolitici sono di frequente riscontro nei pazienti affetti da neoplasia e possono contribuire a peggiorarne la prognosi. Le anomalie degli elettroliti sierici possono essere correlate alla presenza di patologie e trattamenti concomitanti, alla terapia antineoplastica o alla malattia stessa. inoltre le alterazioni elettrolitiche causano spesso importante morbilità e rendono difficile l’esecuzione dei trattamenti antineoplastici. L’ identificazione precoce e il trattamento tempestivo volto alla correzione di questi disordini, seguiti da un attento monitoraggio, potrebbero migliorare la prognosi dei pazienti affetti da neoplasia.

IL POTASSIO


Il Potassio è il secondo catione più abbondante nell’organismo umano. Circa il 98% del Potassio corporeo si trova nello spazio intracellulare. La concentrazione plasmatica di Potassio è compresa tra 3.5–5.0 mEq/L. I livelli plasmatici di Potassio non correlano con i livelli intracellulari e con il Potassio totale corporeo pertanto la presenza di ipokalemia non implica un impoverimento delle riserve di Potassio dell’organismo. In condizioni fisiologiche l’80% del Potassio è escreto attraverso il rene e viene riassorbito per il 90% a livello del tubulo renale.(1,2